La piccola cambia il pelo, ma non la virtù. Fiesta ha in ST-Line, l’allestimento più sportiveggiante, un successo importante. La versione col look, esterno e interno, più dinamico copre il 20% delle vendite della utilitaria Ford. Molto apprezzato, perché ben si accoppia alle pregevoli qualità stradali e al design, certamente affilato.

Per chi volesse qualcosa di più arrivano le versioni speciali Red Edition e Black Edition, che non passano inosservate per livree esterne e finiture degli interni.

Sotto il cofano per entrambe c’è il brillante tre cilindri 1.0 EcoBoost nella versione capace di erogare 140 cavalli, accoppiato al cambio manuale a sei marce.

Dalla ST-Line standard mutuano il kit estetico che include minigonne, griglia anteriore e paraurti. Ogni componente delle sospensioni è stato ottimizzato per incrementare sia la reattività che il comfort. Il telaio è stato rinforzato e grazie all’acciaio al boro, alle saldature al laser e ai rinforzi per il controtelaio, presenta una rigidità torsionale superiore del 15%. La carreggiata anteriore è stata allargata di 3 cm e quella posteriore di 1 centimetro.

E ancora i fari a Led, il sistema di infotainment Sync 3 con schermo da 8 pllici, e il Lane Keeping sono quelli delle altre ST-Line. Tra gli ADAS a richiesta, il cruise control adattivo, il Blind Sport, il riconoscimento della segnaletica e la frenata autonoma con riconoscimento pedoni. Per l’audio a disposizione c’è il potente e raffinato impianto B&O da 675 Watt: notevole.

La livrea fa la differenza. Il rosso con strisce nere opaco della Red Edition, spicca. Più cupa, con strisce nere bordate di rosso su colore Panther Black, la Black Edition. Dedicati i cerchi neri da 17 pollici e calotte dei retrovisori neri con strisce rosse.

Gli interni presentano finiture rosse per , volante, cambio e freno a mano, bocchette d’aria, maniglie, modanatura plancia e sedili, che sono in pelle/tessuto.