Lunga vita a Ford GT. Ne vedremo pochissime sulle nostre strade, ma le possibilità aumenteranno. La Casa dell’Ovale Blu ha prorogato la produzione della sua supercar fino al 2022.

Ford GT, la prova su strada di Auto

Fioccano gli ordini e dai 500 esemplari inizialmente previsti, il cui assemblaggio è iniziato nel 2016, Ford ha prima deciso di arrivare a quota 1.000. E ora di aggiungere altri 350 pezzi. Portando il ciclo produttivo dell’esclusivo modello a 1.350 Ford GT. Non male per un bolide il cui prezzo medio è indicato intorno a una cifra di 550.000 euro.

Questa (vera) auto da corsa urbanizzata per la strada, omaggio alle GT40 trionfanti i terzetto alla 24 Ore di Le Mans del 1966 ed erede della precedente GT (2004-06) è diventata irresistibile per molti collezionisti. Si riapriranno quindi le candidature su FordGt.com a partire da novembre. Con a disposizione la nuova livrea Heritage Edition Gulf Oil.

Piace moltissimo: il rapporto prenotazioni/consegne è 1/7. Quindi sono necessari altri due anni di lavoro supplementare rispetto a quanto programmato (2020) sulla linea di montaggio per soddisfare le richieste.

Ford GT, probabilmente ha la sua parte più “normale” nell’eccezionale EcoBoost V6 di 3.5 litri da 656 cavalli (647 hp in USA) e da 746 Nm di coppia. Che le permette di toccare i 347 km/h di velocità massima e di accelerare da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi. Ma spicca per il nuovo sistema di assemblaggio della cellula in carbonio, l’aerodinamica attiva, le sospensioni ad altezza variabile, il sistema che mantiene alto il regime delle due turbine anche quando non si sta accelerando. Una vera “chicca” che non ha mancato di stuzzicare i facoltosi appassionati.