Ford e Volkswagen, l’asse USA-Germania potrebbe funzionare per l’automobile. Un’alleanza strategica tra il colosso di Detroit e quello di Wolfsburg sta divenendo sempre più verosimile. E potrebbe spostare la bilancia del mercato mondiale dell'auto in futuro.

La conferma che il tavolo della trattativa è serio arriva da parte di Bob Shank, Chief financial officier di Ford. “Stiamo parlando ad ampio raggio per capire come possiamo aiutarci reciprocamente con Volkswagen. I colloqui vertono su una collaborazione totale, senza limiti per area geografica, tipi di auto o tecnologia”.

Ben oltre quindi l’alleanza relativa ai veicoli commerciali annunciata lo scorso giugno. Potrebbe portare a nuovi modelli, con parti in comune in Europa e in America. Ford cerca nuove piattaforme per le prossime generazioni, cercando di contenere i costi industriali, non avendo una situazione economica florida. Il piano di ristrutturazione prevede un “aggiustamento” di 11 miliardi di dollari. Tutti questi soldi in qualche modo dovranno essere risparmiati.

Ecco qua il colpo di scena, su larga scala. La prossima piattaforma delle Ford compatte potrebbe essere l’evoluzione della MQB di Volkswagen. Quindi per Focus, ma anche per Fiesta (con lo sviluppo della MQB A0 di Polo) e ovviamente per tutti i SUV medi e compatti della Casa americana, che in futuro ovviamente potrebbe anche gli altri pianali MEB per le vetture elettriche e MLB Evo per i modelli più prestigiosi a motore longitudinale.

Un piano importante, con Ford che da parte sua fornirebbe tutta la sua specializzazione per pick-up (la famiglia F-150 è la terza automobile più venduta al mondo) e veicoli commerciali.