Ford GT non si ferma più. Dopo il rilancio della produzione fino al 2022 arriva una serie ancora più speciale. La sublimazione di una vettura più vicina ad un’auto da corsa che a una supercar (questo, per la prova di Auto) si chiama GT Carbon Series. Il nome dell’edizione speciale è chiaro, punta alla migliore ottimizzazione del peso. Per essere più efficace in pista senza perdere un’indole stradale comunque notevolissima.

Si tratta di dettagli, minimi, ma che al top possono fare la differenza. GT Carbon Series è 18 chilogrammi più leggera della versione standard grazie all’utilizzo di materiali ultraleggeri.

Dettagli, si diceva, come i bulloni in titanio per i cerchi in fibra di carbonio, il portellone posteriore realizzato in policarbonato con una speciale ventilazione e lo scarico, anch’esso in titanio. Materiale nobilissimo utilizzato sin dai primi anni Settanta sui jet militari più avanzati per le sue proprietà di leggerezza e  robustezza. 

Leggera, ma non rude, l’aria condizionata non è stata sacrificata sull’altare del peso, al pari del sistema di infotainment. Non maltratterà i suoi piloti, ma nemmeno li coccolerà: scordatevi di portare un bicchiere a bordo o uno smartphone che non sia in una sacca o in una tasca.

La fibra di carbonio è presente nella strumentazione, nella console centrale, nei sedili. Anche in dettagli esterni della GT, oltre che nei cerchi: nelle strisce ad esempio. Ford GT Carbon Series sarà disponibile in quattro colori per le strisce, le pinze freno e le calotte dei retriovisori: arancione, argento, blu e rosso. Pochissime, ne sarà costruita una alla settimana e pronte per gli ordini dal prossimo 8 novembre.