Nuova Mercedes Classe C inizia il lungo percorso che la porterà a rilevare l’attuale generazione. Quando? Difficilmente accadrà prima del 2020, con una commercializzazione probabilmente nel corso del 2021, secondo le prime indiscrezioni. I muletti hanno iniziato i collaudi su strada e, come esige il segmento D premium, si procede nella direzione dell’evoluzione del design, senza stravolgimenti di sorta.

La proposta media di Mercedes dovrà replicare al rinnovamento appena presentato da BMW, una Serie 3 che alle doti di berlina sportiva che storicamente l’hanno caratterizzata ha deciso di abbinare caratteristiche di comfort superiori, con il chiaro obiettivo di intercettare un pubblico più vicino a Classe C.

Quella attuale ha ricoperto il ruolo di generazione del radicale rinnovamento, passaggio di rottura nel design per svecchiare, con successo, l’immagine della berlina di Stoccarda. Si è mossa sulle orme lasciate da Classe S, un dettaglio non di poco conto se proiettato all'orizzonte 2020-2021. Dovesse coincidere con il lancio di nuova Classe C, beneficerebbe dei sistemi avanzati di assistenza alla guida annunciati da Mercedes in arrivo su Classe S nel 2020, il Livello 3 di guida assistita in primis. Varrebbe il primato tecnologico nel segmento, quello assoluto spetta ad Audi A8.

Classe C 2018, nuovi motori e mild hybrid: la prova

Beneficerà anche degli sviluppi sull'infotainment evoluto, quelli non confluiti nel restyling presentato quest’anno. Il riferimento è al sistema Mercedes Benz User Experience, MBUX lanciato su Classe A, l’assistente personale con interazione mediante comandi vocali naturali, grazie all'intelligenza artificiale, destinato a sviluppi ulteriori, di interfaccia (sulla quale si sta già lavorando) e funzioni, nella specifica destinata a Classe C.

Classe A rivoluziona il dialogo uomo-auto con MBUX

Primi chilometri dei muletti che destano curiosità soprattutto per la miriade di sensori chiaramente a vista, disseminati sul frontale in posizioni rivolte a verificare sistemi inediti, tra applicazioni sui gruppi ottici e all’interno della calandra, oltre alle consuete doppie telecamere sul parabrezza. È l’indicazione più interessante che emerge da questa fase iniziale del percorso di sviluppo. 

Le novità Mercedes in arrivo nel 2019