Pura, Audi R8 resterà fedele al suo grande V10 aspirato di 5.2 litri, senza farsi trascinare dalla tentazione del turbo. Dopo la presentazione del recentissimo restyling pareva la supersportiva di Ingolstadt potesse mettere in gamma anche un V6 sovralimentato.

Per la precisione il 2.9 litri da 450 cavalli che spinge le prestazionali RS4 e RS5. Niente fischi di turbina a bordo di R8. A tagliare la testa al toro ci ha pensato Bjorn Friedrich, project manager del prodotto. “Il V10 è “il  miglior motore possibile per questa auto e gli rimarremo fedeli“.

I 100 (o 130) cavalli in meno del V6 turbo, ma soprattutto i quarti di nobiltà in meno, hanno pesato sulla scelta. Il dieci cilindri aspirato è dotato di filtro antiparticolato e, nell’ultimo aggiornamento, ha innalzato la potenza da 540 a 570 cavalli. L’accelerazione da 0 a 100 km/h è di 3,4 secondi (Coupé) e 3,5 secondi (Spyder). La velocità massima è di, rispettivamente, 324 e 322 km/h. Numeri sempre di primo livello.