C’è la formula tutta ibrida (o elettrica) di Niro. Quella da suv compatto tradizionale di Sportage. Ci sarà, a breve, una visione crossover a fare compagnia: Kia Ceed alla sua quarta variante di carrozzeria. E avrà le sue ragioni d’esistere, a leggere quanto fa la concorrenza diretta. Nel segmento C Kia lancerà un nuovo affondo con la berlina cinque porte con assetto rialzato da terra e look rivisto, nonostante appunto un'offerta già ben strutturata. 

Dopo la 5 porte e la station wagon, dopo la Proceed, il debutto di Ceed crossover è atteso al Salone di Ginevra, dove si presenterà con variazioni di stile ovvie, anticipate dagli avvistamenti dei muletti su strada. L'abitabilità della Ceed berlina resterà invariata, le dimensioni potrebbero registrare incrementi marginali in lunghezza dettati dai paraurti modificati, all’anteriore con un finto skid silver. Protezioni che si estendono sull’intero perimetro e completate dalle barre longitudinali sul tetto nel processo di metamorfosi.

Cambierà la posizione di guida, l’incremento dell’altezza da terra andrà a collocarsi tra i 25 e 35 millimetri, a giudicare del sostanziale aumento della luce tra ruota e passaruota anticipato dai muletti. Tarature degli ammortizzatori e barre antirollio sono, solitamente, nelle trasformazioni crossover di berline nate stradiste pure, tra gli interventi che è lecito attendersi.

Nuova Kia Ceed, la prova

Resterà un prodotto a trazione anteriore, dall’elettronica adattata e la possibilità che si integri una modalità di guida in grado di aumentare la motricità su fondi a bassa aderenza.

Kia Ceed crossover troverà la concorrenza della gamma Active di Ford Focus, con ben due alternative di carrozzeria, berlina e wagon, di Seat Leon XPerience Dacia, di Logan Stepway, compatta dal listino da utilitaria.