Quattro metri e mezzo di suv-coupé, è quel che sarà Audi Q4. O Audi Q3 Sportback. Rumours vorrebbero quest’ultima quale sigla destinata alla versione con la coda sportiva della nuova Q3. Quanto al nome che avrà il suv, giova ricordare l’accordo raggiunto nel 2016 dalla casa tedesca con Alfa Romeo e Maserati, relativamente al diritto a utilizzare tanto la sigla Q2 che Q4, entrambe utilizzate per identificare i modelli con differenziale anteriore a slittamento limitato e le quattro ruote motrici in casa Alfa Romeo e Maserati. L’interrogativo, pertanto, è legato alla scoperta se quella sigla Q4 verrà impiegata per battezzare la variante dal look sportivo di Q3 o meno.

Al di là delle questioni legate all’onomastica del modello, quel che conta dire è dell’avvio dei test su strada del progetto che scopriremo nel corso del 2019 (vista la fase di sviluppo, difficile immaginare un esordio a Ginevra).

Le camuffature che avvolgono i muletti sono totali e a stento permettono di leggere dettagli rilevanti. Uno, sarà la linea del tetto estrema nel modo in cui va a spiovere dal montante centrale verso la coda, a sua volta con un volume ben definito al di sotto del lunotto.

Nuova Audi Q3, la prova: compatta allargata

Ripescando tra le proposte concept di alcuni anni fa, nel 2014 Audi presentò una visione di crossover sportivo, non a caso lo battezzò TT Offroad Concept (in foto), un progetto che abbinava gli stilemi della TT del tempo, con il caratteristico padiglione ad arco nella linea dei finestrini alla carrozzeria rialzata. Quella strada può essere un indizio dal quale partire per immaginare la futura Q4, dai contenuti tecnici condivisi con nuova Q3.