Sei linee per disegnare il futuro. Sei tratti stilizzati per anticipare nuova Volkswagen Golf 8. Nel 2019 scopriremo il progetto dal vivo, appuntamento nella seconda metà dell’anno, il Salone di Francoforte potrebbe rappresentare l’appuntamento giusto per mostrarsi in pubblico, insieme alla variante cabrio di Volkswagen T-Roc. Sono due delle novità in programma a Wolfsburg nei 12 mesi che ci aspettano, non prima d’aver presentato il restyling di Passat a metà anno.

Che Golf 8 sarà? Nel corso della presentazione alla stampa dei risultati 2018 e degli obiettivi futuri che Volkswagen si propone di realizzare, l’ottava generazione è stata annunciata con le parole chiave della digitalizzazione e connettività. C’è, però, altro al di là dei servizi a bordo che il best-seller nel segmento C saprà offrire.

C’è un programma, ad ampio respiro e destinato all'intero marchio, di razionalizzazione e semplificazione dell’offerta Volkswagen. Maggiore efficienza, per sfruttare meglio le risorse, contenere i costi, semplificare la linea di approvvigionamento dai fornitori. Così, per dare due numeri, percentuali, nuova Volkswagen Golf 8 proporrà il 40% in meno di opzioni relativamente ai cerchi in lega e il 60% in meno di varianti sulla tipologia di volante offerto.

L’ottimizzazione interesserà anche la composizione dell’offerta, sarà meno complessa, le varianti di motore-trasmissione nel loro mix verranno ridotte (-25%, tagli sugli abbinamenti meno richiesti dal mercato), come gli allestimenti. Il tutto si tradurrà in un incremento della produttività negli impianti, nel 2025 Volkswagen punta al +30% rispetto al dato 2018.

Percorso di razionalizzazione delle gamme di prodotto che ha già, da tempo, portato quasi la totalità dei costruttori a tagliare le proposte di carrozzeria 3 porte nel segmento C e B.

Tornando alle “linee” stilizzate della futura Golf 2019, se la conferma del disegno del montante C è subito assimilabile alle proporzioni del modello oggi in vendita, una ghiotta anticipazione arriva sul taglio dei fari anteriori, destinati a seguire i tratti di nuova Polo, assottigliati e completati da una fascia a tutta larghezza tra bordo del cofano motore e calandra.

Nei prossimi mesi saranno i muletti di sviluppo, su strada con la carrozzeria definitiva, a perdere le camuffature e rivelare passo dopo passo il design.