Appena il tempo di assaporare la sportività AMG A35 ed è già ora di guardare oltre, a Classe A nella sua forma più estrema. Gli auguri di Natale, la divisione con sede ad Affalterbach, li ha fatti di traverso, anticipando Mercedes-AMG A45, ciò che bolle in pentola, pronto per esordire in pubblico a Ginevra. 

La calandra Panamericana e i quattro terminali di scarico sono l’indizio che rende inconfondibile la “45”, perlomeno per quanti non avranno la possibilità di salire a bordo e apprezzare ciò che la tecnica, di diverso, offrirà.

Un 2 litri turbocompresso resta l’unità motrice eletta, semmai le ultime indiscrezioni guardano ai livelli di potenza espressi. Plurale, già, perché non è attesa un’unica AMG A45, bensì due proposte. Come del resto avviene per le AMG più grandi.

L’asticella dovrebbe collocarsi a 387 cavalli con la versione d’ingresso, lasciando che sia AMG A45 S a scavalcare quota 400 e spingersi ai 421 cavalli. Di nuovo, il riferimento nel segmento compatto per potenza massima e cavalli/litro. Differenze rispetto alla A35? Sostanziali, visti i 306 cavalli espressi e uno schema 4Matic che arriva a ripartire fino al 50% della coppia all'asse posteriore. 

Mercedes-AMG A35, la prova su strada

Lo schema 4Matic sarà in entrambe le proposte A45 di serie e il video-teaser diffuso da Mercedes nei giorni scorsi ha sottolineato la marcata ripartizione della coppia verso l’asse posteriore, verosimilmente abbinata a una modalità di guida specifica come la Sport+, tra le caratteristiche maggiormente in grado di stuzzicare l'interesse.

Nuova Mercedes CLA debutta a Las Vegas