Arriva la nuova versione della peste da pista. Dopo tre anni e 421 esemplari, ecco la seconda serie di Porsche 718 Cayman GT4 Clubsport (Type 982). Più leggera, potente e “verde”, realizzata con parti eco-sostenibili.

In due versioni “Track Day” (134.000 euro più tasse) per i piloti amatori e “Competition” (157.000 euro, tasse escluse) per le gare, nazionali e internazionali, dove la prima generazione ha già ben figurato.

GT4 Clubsport è stata sviluppata per avere la migliore prestazione sul giro veloce, con la massima precisione tra i cordoli e con crismi di sostenibilità. E’ la prima auto da corsa di produzione a presentare parti della vettura realizzate in materiale composito con fibre naturali. Quali le portiere e l’alettone posteriori, realizzati con una fibra organica, realizzata da sottoprodotti agricoli quali lino o canapa, che hanno proprietà paragonabili alla fibra di carbonio. Leggerezza e robistezza quindi.

Un classico. Il motore in posizione centrale è invece l’evoluzione del boxer sei cilindri aspirato di 3,8 litri. Ora guadagna 40 cavalli e arriva a erogare una potenza di 425 cavalli, con una coppia di 425 Nm. Abbinato a un cambio a doppia frizione a sei marce. La trazione è posteriore, con bloccaggio meccanico del differenziale, sospensioni derivate dalla 9111 GT3 Cup, impianto frenante con dischi in acciaio da 380 millimetri: una dote speciale.  Gli ammortizzatori sulla Clubsport sono regolabili il tre fasi. Il peso di questa versione è limitato a 1320 kg, dispone di un serbatoio da 115 litri. Un pacchetto davvero speciale.