Elettrificazione è diventata la parola d’ordine globale per tutti i costruttori. BMW, storicamente al top nella ricerca e sviluppo di powertrain sempre più efficienti, avrebbe in serbo una novità interessante per la versione plug-in hybrid dei nuova Serie 3 (la serie G20).

Serie 3, la prova su strada di Auto

Dopo la presentazione del modello al Salone di Los Angeles, con un arrivo preventivato nella seconda metà dell’anno sul mercato, 330e potrebbe scoprire un “altarino” molto interessante, anche se non certo inedito.

Ovvero la trazione integrale abbinata alla propulsione plug-in ibrida: 330e dotata di xDrive, per renderla davvero globale a ogni latitudine. Toyota ha fatto di recente con Prius. Al quattro cilindri turbo benzina di due litri abbinato al cambio automatico a otto marce e al motore elettrico verrebbe aggiunto un altro propulsore elettrico all’anteriore.

Una soluzione logica, che darebbe ancora più spinta alla potenza di sistema della 330e presentata a L.A. (252 cavalli, 420 Nm di coppia, ma 113 cv di XtraBoost). Calerebbe probabilmente l’autonomia solo elettrica. La batteria da 12 kWh con l’aggravio di peso, anche se non estremo, garantirebbe un range leggermente inferiore ai 60 chilometri dichiarati per la trazione posteriore.