Polestar 2 continua il suo striptease. La seconda vettura del Marchio di lusso ed elettrificato di Volvo mostra il posteriore. Il crossover elettrico dovrebbe essere sul mercato nel 2020, ma la presentazione al pubblico appare come molto più imminente. Polestar 2 potrebbe avere la sua passerella al Salone di Ginevra.

Polestar 2, la prima con Android

Gli indizi lasciano presagire che Polestar 2, per quanto riguarda il design, dovrebbe ispirarsi alla concept Volvo 40.2 (40.1 invece diede origine a XC40). Anche se con differenze marcate, come mostra il primo bozzetto ufficiale. Con un posteriore dal portellone compatto e fari a led integrati da una lunga striscia, soluzione adottata da molti costruttori e caratterizzante per il look.

Polestar diventa una gamma

Il crossover elettrico sarà realizzato sulla piattaforma CMA (Compact Modular Architecture) la base delle più avanzate compatte del Gruppo, anche delle future Geely. La proprietà cinese sfrutterà il powertrain anche per altri modelli. Su Polestar 2 sarà una soluzione di avanguardia: due motori, potenza di 400 cavalli (non a caso prossima a Mercedes EQC ed Audi e-tron) e  un’autonomia superiore ai 400 chilometri.