In primavera Passat supererà la soglia di produzione di 30 milioni di esemplari, traguardo che la farà diventare il modello di classe media di maggior successo a livello mondiale. Il workshop organizzato dalla casa di Wolfsburg ad Amburgo ha mostrato il facelift dell’ottava generazione che introduce importanti novità non solo a livello estetico, ma anche per quanto riguarda le innovazioni tecnologiche.

All’esterno risaltano i nuovi gruppi ottici a LED offerti di serie, paraurti anteriore e posteriore sono stati ridisegnati così come la calandra del radiatore. Debutta inoltre IQ.Drive, il brand di Volkswagen che raggruppa i sistemi di assistenza alla guida: Travel Assist consente di viaggiare in modalità parzialmente automatizzata gestendo la regolazione della velocità attraverso l’ACC predittivo che reagisce a limiti di velocità, rotatorie e incroci.

Sono presenti inoltre il sistema di mantenimento della corsia, il riconoscimento dei pedoni con frenata di emergenza e l’Emergency Assist che monitora le condizioni del guidatore e in caso di un malore fa decelerare la vettura fino ad arrestarla, tutto questo attraverso il primo volante capacitivo di VW, in grado di controllare se il conducente ha le mani sul volante.

Internamente esordisce la terza generazione del Modular Infotainment Matrix, sempre online grazie alla SIM integrata, che sarà disponibile in tre differenti versioni a partire dai 6,5 pollici del Composition fino ai 9,2 del Discover Pro, compatibile con Android Auto ed Apple Car Play, per la prima volta utilizzabile senza fili tramite Bluetooth. Passat si potrà preordinare nel mese di maggio, ma per il debutto nelle concessionarie bisognerà aspettare l’estate.