Restano ancora due capitoli da scrivere, della storia Serie 3 introdotta nel 2018. Al Salone di Ginevra 2019, largo all’ibrido plug-in, nei prossimi mesi, spazio all’interpretazione Touring e, soprattutto, alla sportività di nuova BMW M3. Il paradigma assoluto delle prestazioni nel segmento D, per tantissimi anni, è chiamato ad alzare l’asticella. E di parecchio.

È già avvenuto sul fronte SUV, causa rivali agguerritissime, capitanate da Stelvio Quadrifoglio. Così, BMW X3M e X4M, si sono lanciate nella rincorsa ad alte prestazioni.

BMW M3 segue una strada simile, nel confronto anzitutto con Giulia Quadrifoglio. Negli ultimi 12 mesi si sono rincorse le indicazioni più disparate, sulla tecnica che avrebbe caratterizzato il progetto sviluppato su piattaforma CLAR.

Adesso, emergono i primi dati ufficiosi, legati al motore e alla trasmissione che finiranno sotto il cofano della nuova M3. Ufficiosi perché resi noti dal responsabile della pianificazione del prodotto BMW M, come informazioni riportate da "Evo UK".

BMW M5 Competition, la prova su strada

L’aspetto meno dibattuto tra tutti, mentre i muletti di sviluppo circolavano su strada, è stato il motore e quale architettura avrebbe utilizzato. L’unità 3 litri Twin Power Turbo, 6 cilindri in linea, sarà il cuore chiamato a sviluppare 480 cavalli e 600 Nm di coppia, numeri prodotti dai SUV X3 e X4 curati da BMW M. Non una sola variante, bensì due proposte: M3 Competition offrirà 30 cavalli in più, invariato il dato di coppia motrice.

La trasmissione prevista è lo Steptronic 8 rapporti. Potrebbe non essere l’unica, affiancata da un cambio manuale in una futura variante alleggerita, che ricorrerà anche alla sola trazione posteriore. Già, perché la sostanziale novità, che il rinnovamento generazionale di M3 porterà al debutto, è l’adozione del sistema xDrive sfoggiato da BMW M5.

Nuova BMW Serie 3: la prova 

Diversamente da X3M e X4M, M3 adotterà la stessa specifica dal duplice funzionamento: integrale o due ruote motrici, posteriori. Della berlina di segmento superiore riprenderà anche lo sterzo, con diverse regolazioni dell’assistenza di tipo elettrico, e le sospensioni adattive. Profondamente diverse saranno le masse in gioco, visti i quasi 300 kg di differenza attesi sulla Serie 3 più sportiva.