Da un lato la spinta delle normative, il taglio della CO2 media da centrare in Europa; dall’altro, modelli di nicchia, icone di sportività e stile, al bivio del futuro. 

Audi TT è tra i modelli il cui futuro è in discussione a Ingolstadt. A poco più di 20 anni dal debutto, allora ritenuto rischioso quel design d’avanguardia, si prospetta la strada del tramonto, giustificata sull’altare dei volumi, della redditività e di una sportività che dev’essere green. Il “partito” contrapposto, invece, vorrebbe un’evoluzione della TT, conservandone l’essenza.

Auto emozionali, come è TT, diventano inevitabilmente oggetto del sacrificio, a vantaggio di altre formule e carrozzerie, di gran lunga meno comunicative all'appassionato.

Hans-Joachim Rothenpieler, componente del CdA incaricato dello sviluppo tecnico dei modelli Audi, racconta come vorrebbe “salvare” la coupé, parte del DNA Audi, partendo da una proposta elettrificata in futuro. Per riuscirsci, però, servirà convincere i vertici.

L’elettrificazione è una necessità per tanti costruttori che, in gamma, hanno modelli oggi ad “appesantire” la media dei valori di Co2 prodotta, soglia che dovrà ricevere una sforbiciata nei prossimi anni in Europa. Emissioni a parte, l’altra necessità imprescindibile è snellire le varianti di modello, semplificare, ottimizzare i costi.

L’incertezza sulla sorte che attende la coupé e roadster TT è la stessa che accompagna Audi R8, conferma Rothenpieler ad Auto Express.

Quanto ai modelli Audi Sport con la sigla RS – con un pieno di novità in arrivo nel 2019 -, invece, si andrà alla ricerca delle soluzioni per coniugare sportività e sostenibilità. L’elettrificazione, sotto forma dell’ibrido, potrebbe essere la strada ideale, percorso che verrà seguito dal 2020 in casa Mercedes-AMG.

Firmata Audi Sport sarà la e-tron GT, grande berlina supersportiva, elettrica, sviluppata sulle orme di Porsche Taycan e tra i prossimi modelli che la divisione sportiva di Ingolstadt andrà ad affiancare al SUV e-Tron e alla versione e-Tron Sportback.