La fidanzata d’Italia si aggiorna, pronta a far contenti tutti. Alfa Romeo Giulietta 2019 si aggiorna, affinando un design sempre speciale, ma soprattutto offrendo U Go by Leasys, una sorta di Airbnb a quattro ruote, il car sharing peer to peer.

L’abbiamo toccata con mano nel mitico Museo Storico Alfa Romeo di Arese. Non poteva esserci un posto migliore per Giulietta, la prima chiamata non con un numero o una sigla. L’originale, del 1954, ha segnato il passaggio del Marchio dalle vetture esclusive alla grande produzione. Rappresentando il “salto”  dell’Italia verso gli anni Sessanta e il benessere.

Giulietta 2019  punta sul design che non ha perso smalto dopo 10 anni e doti stradali all’altezza del suo passato. Gli allestimenti sono Sport, Super, Veloce e Business in promozione a partire da 22,400 euro (20.900 con finanziamento). Disponibile nelle motorizzazioni 1.4 turbo benzina da 120 cv, Diesel 1.6 da 120 cavalli e 2.0 per la Veloce da 170 cv. Niente GPL e ibrida, ottimizzazione è la parola d'ordine.

Alberto Cavaggionibrand Manager Alfa Romeo, milanese e alfista conferma e anticipa. “Bellezza e guidabilità, Giulietta è una vera Alfa Romeo. Fedele alla sua storia. Per Giulia e Stelvio invece avremo novità di prodotto a fine anno”.

U Go è la proposta di car sharing di FCA. La condivisione dell’auto è sempre più diffusa. Gli “automobilisti senza auto” saranno il 25% dei guidatori entro il 2025.

Giulietta è disponibile con Be Free, il noleggio di Leasys, da 399 euro al mese con anticipo zero. Ma il plus è U Gopiattaforma di condivisione dell’auto peer to peer. Esordisce con Giulietta, ma sarà per tutti clienti affiliati ai servizi di FCA Bank.

U Go funziona tramite un’app. Protagonisti un player, il proprietario di Giulietta con Be Free, e un user, che cerca un’auto per un determinato periodo di tempo.

La piattaforma U Go li mette in contatto, il proprietario fissa una tariffa e il gioco è fatto. Nessun problema di assicurazione, essendo il player coperto dalla Casco di FCA Bank-Leasys, e per eventuali danni le franchigie sono accettabili.

Una proposta interessante, un vero Airbnb delle quattro ruote. Il futuro prossimo è già arrivato?