Più autonomia

Il CNG  viene utilizzato come carburante primario, rispetto alle generazioni precedenti è infatti presente un terzo serbatoio e solo in caso di esaurimento si passa alla benzina, precisamente 9 litri che incrementano l’autonomia di ulteriori 100 km circa e permettono l’accensione del motore con temperature inferiori ai 10 gradi.

Come cambia la gamma

Ibiza e Arona montano un 1.0 tre cilindri turbocompresso da 90cv abbinato ad un cambio manuale a 6 marce, hanno una capacità di rifornimento pari a 13,8 kg di metano per un massimo di 360 km di autonomia; Leon porta al debutto il nuovo 1.5 quattro cilindri con turbina a geometria variabile e ciclo Miller da 130cv ordinabile anche con cambio automatico DSG per una percorrenza di 440 km grazie alla maggior capienza delle bombole che si attesta a 17,3 kg.

Guidare a gas

La manutenzione dei serbatoi deve avvenire in concomitanza con la revisione ministeriale, ovvero dopo 4 anni dalla prima immatricolazione e successivamente ogni 2. Nessuna possibilità di dimenticarsi, apparirà infatti un messaggio sul cruscotto 90 giorni prima della scadenza e superato questo limite di tempo la vettura funzionerà solo a benzina obbligando il guidatore a verificare lo stato d’usura, a tutto vantaggio della sicurezza. In Italia sono presenti ad oggi 1300 distributori di metano operativi e SEAT ha deciso di puntare su questa tecnologia con l’obbiettivo di una mobilità sostenibile stringendo una partnership con SNAM con l’intento di sviluppare infrastrutture e carburanti, come il bio-metano 100% rinnovabile ricavato dai rifiuti organici che ogni giorno produciamo. Bassi costi di percorrenza (3,5 € per 100 km) ed emissioni più basse di CO2 del 25% rispetto ad un benzina e 75% in meno di NOx se confrontato con un diesel, rendono il metano una valida alternativa all’elettrico.

Quanto costano

I prezzi partono da € 16530 per Ibiza TGI, € 18800 per Arona e rispettivamente € 24415 per Leon e € 25165 per Leon ST.