La prima serie della nuova creatura copre un periodo lungo, dal 1979 al 1993. In 14 anni vedono la luce quattro generazioni diverse di Delta. La prima presenta un telaio per l’epoca rivoluzionario, con le sospensioni a ruote indipendenti sia sull’anteriore che sul posteriore. Le due motorizzazioni sono abbastanza semplici, quattro cilindri con albero a camme 1.3 e 1.5 da 78 e 85 cavalli.

Colpisce la presenza di resine poliestere con fibre di vetro sui paraurti e altre dotazioni come il volante regolabile in altezza, specchietto regolabile dall’interno e tergicristallo a tre velocità. Il prezzo è un po’ più alto rispetto alla media delle colleghe: la Delta si configura così da subito come un’auto che si rivolge alla medio-alta borghesia.