Un'italiana nel Mondo, un brand con una storia di 147 anni. Pirelli raggiunge un nuovo traguardo e si fa un regalo: una graphic novel. L'azienda meneghina diventa digitale per raccontare la sua storia e il suo quasi secolo e mezzo di attività, vissuti all’insegna della tecnologia e dell’innovazione, sia nei prodotti e sia nella cultura d’impresa e comunicazione.

Saranno cinque gli episodi della graphic novel “Pirelli un’italiana nel mondo”, che l'azienda con sede in viale Piero e Alberto Pirelli trasmetterà sul proprio sito per condividere con i propri clienti e appassionati una sorta di "company profile". Illustrazioni, video, immagini d'archivio e motion graphic design sul Marchio offriranno agli spetattori contenuti inediti e approfondimenti extra straordinari.

La graphic novel Pirelli è un racconto lungo tutti i 147 anni, fatto di persone, tecnologia e spirito pioneristico riconosciuto in tutto il mondo. Una tradizione storica importante e una cultura d’impresa che coniuga industria e umanesimo: elementi che hanno reso il Marchio fondato da Giovanni Battista Pirelli un vero simbolo di modernizzazione del Paese.

Non solo l'azienda ma anche l'Italia. I protagonisti di “Pirelli un’italiana nel mondo” sono gli anni di sfide, di cambiamenti, di obiettivi raggiunti in un tessuto economico e sociale, quello dello Stivale, che si è evoluto nel tempo tra mille difficoltà e ambizioni. 

Per questo il linguaggio pensato per far conoscere le tappe più importanti della storia della Pirelli è semplice e intuitivo, alla portata soprattutto di un pubblico non specialistico. Così che il materiale custodito nell’archivio della Fondazione Pirelli e la ricostruzione storica fatta dal professor Carlo Bellavite Pellegrini si è trasformato in un appassionante viaggio, di una ventina minuti per ciascun episodo, tra musiche e illustrazioni.

Gli episodi della graphic novel Pirelli

Nel primo episodio, "Il futuro della gomma", Giovanni Battista Pirelli, fondatore dell’azienda, da una finestra della fabbrica del Sevesetto, s’interroga sulle ragioni che spingono la folla a ribellarsi, nel maggio del 1898, tra i tumulti che agitano le vie di Milano. Pensieri e riflessioni che ispirano la storia dell’azienda che, nel secondo episodio ambientato negli anni Trenta, vede il figlio Alberto raccogliere l’eredità, imprenditoriale e culturale del padre.

Alberto Pirelli, in "Come nasce un brand"  è l’artefice dell’impegno di Pirelli nella produzione di pneumatici e dà l’impulso alla prima internazionalizzazione del gruppo. La crescita di Pirelli prosegue a metà Novecento (1932-1967) con la necessità di trovare nuove forme di comunicazione. Un linguaggio diretto, immediatamente riconoscibile, "La Gomma è pop" – questo il titolo della terza puntata - come testimoniato  dalla prima edizione del Calendario Pirelli, nel 1963, e dal lancio di prodotti innovativi che hanno rivoluzionato la mobilità: il Cinturato. 

Ne "Al cuore dell’innovazione" Pirelli è già proiettata alle soglie del nuovo millennio, alle prese con grandi sfide tecnologiche, con una rinnovata strategia di gruppo e con il lancio di prodotti di alta qualità: la linea P Zero. E "Il viaggio continua", l’episodio conclusivo, fotografa l’azienda nell’arco di tempo che va dal 2000 ai giorni nostri, quando il Marchio vive diverse riorganizzazioni societarie con l’ingresso di nuovi azionisti, la focalizzazione sul business consumer, la continua spinta tecnologica e un brand sempre più forte.