All’inizio solo berlina a quattro porte, poi coupé a 2. Impiego prettamente sportivo. È con queste credenziali che nel 1969 entra in commercio la prima serie della Skyline che, dal mese di febbraio, ha quel nuovo iconico badge con su scritto GT-R.

La prima versione si chiama KPGC10. È spinta da un propulsore S20 bialbero a 24 valvole e cambio a cinque rapporti. I cavalli sono 250, sufficienti per cominciare ad aggiudicarsi un numero esorbitante di vittorie nelle corse automobilistiche giapponesi.

Nel 1971 viene migliorato il tutto con l’Hakosuka. Nome bruttino, ok, ma le prestazioni sono ancora più eccellenti. Per una gestione migliore dei flussi d’aria, viene inserita un’ala posteriore, così come degli pneumatici allargati, che migliorano la maneggevolezza. E in pista si continua a vincere.