La commissione Trasporti della Camera dei Deputati ha votato all’unanimità la risoluzione presentata da Simone Baldelli di Forza Italia con la quale viene chiesto un decreto per un “uso corretto e trasparente di autovelox e proventi delle multe”.

In questa maniera si sollecita il governo a convocare entro il 31 maggio la Conferenza Stato-Città e autonomie locali, col fine di esporre il testo di legge ai territori cercando di arrivare all’emanazione il prima possibile per combattere gli autovelox "selvaggi", che inducono gli automobilisti anche a frenate pericolose per evitare le sanzioni.

Autostrade: Tutor resta attivo in attesa del sostituto

Secondo Forza Italia infatti spesso “si assiste all'utilizzo distorto e vessatorio dei dispositivi di rilevazione a distanza", e inoltre, a proposito dell’utilizzo dei proventi delle multe, "si rileva che meno di 300 comuni su 8.000 rispettano la legge, senza sanzioni per gli enti inadempienti che, malgrado l'obbligo di legge, non presentano la relazione annuale al ministero”.

Questa risoluzione si pone l’obiettivo “di disciplinare in modo chiaro e definitivo il tema della trasparenza e dell’utilizzo dei proventi derivati dalle sanzioni irrogate per le violazioni del Codice della Strada da parte delle amministrazioni locali, nonché quello delle modalità di collocazione e corretto uso dei dispositivi o mezzi tecnici di controllo, finalizzati al rilevamento a distanza delle violazioni delle norme di comportamento”.

Secondo il deputato di FI Baldelli, la risoluzione avrebbe avuto "il parere favorevole del Governo", nonostante la proposta provenga da un partito di opposizione. Poiché già aveva "condiviso la necessità di portare a termine il provvedimento con il ministro Toninelli, nel corso di un'interrogazione che si era svolta a marzo".

Google Maps, autovelox e limiti di velocità in arrivo