Un giro nello spazio, da turisti del programma Virgin Galactic Future Astronaut, poi, una volta a terra, il ritorno a casa al volante di una Range Rover esclusivissima. Ibrida o V8 5 litri benzina, la Range Rover Astronaut è una personalizzazione firmata SVO, reparto veicoli speciali del gruppo Jaguar-Land Rover, riservata ai clienti del progetto Virgin.

Partner di Richard Branson dal 2014, Land Rover ha personalizzato la Range anzitutto con una tinta carrozzeria esclusiva, ribattezzata Zero Gravity Blue, a bordo ha ricreato l’effetto cielo di notte sul padiglione, sulle portiere ha integrato le luci a led che proiettano sull’asfalto la sagoma della SpaceShip Two, navicella protagonista nel 2018 di una serie di voli spaziali.

L’ultimo, a dicembre, ha portato l’equipaggio composto da due piloti - con al seguito dell'attrezzatura per la raccolta dati della NASA - a quota 82,7 km. Una forma di spazio, sulla quale si potrebbe dibattere in punta di misurazione, tra quanti ritengono inizi a 80 km di quota e quanti, invece, posizionano la definizione a 100 km di quota.

UN PEZZO DI VIAGGIO SPAZIALE CON SÉ

Il suv avrà a bordo un pezzo di navicella spaziale, nel dettaglio si tratta di una parte dello scivolo anteriore, realizzato in alluminio, trasferita nei portalattine, sul fondo. Una volta effettuato il viaggio spaziale, i clienti che acquisteranno Range Rover Astronaut, avranno il particolare sostituito con l’elemento in legno utilizzato nel loro viaggio, con i relativi dati del giro nello spazio.

Non mancano i loghi DNA of Flight, sulla copertura del cassetto in fibra di carbonio, la riproduzione del motivo della costellazione dietro i poggiatesta e sul pannello portaguanti, le maniglie esterne realizzate in alluminio pieno e grafica dedicata; i clienti potranno far cucire in rilievo le proprie iniziali dietro i poggiatesta.

Una personalizzazione che va a modificare i contenuti di base dell’allestimento Autobiography, il più ricco dell’offerta Range Rover.