Grandland X Plug-In Hybrid rappresenta il primo grande passo di Opel nelle auto elettrificate. Una scelta strategica, sul SUV medio, che si pone al top di gamma nella categoria delle “ruote alte” del Marchio tedesco di proprietà del Gruppo PSA. Il secondo passo sarà quello della presentazione di Opel Corsa al 100% elettrica, che sarà in commercio entro fine 2019.

Ibrida plug-in e con trazione integrale, la nuova versione di Grandland X è spinta da un powertrain composto dal motore turbo benzina 1.6 litri quattro cilindri a iniezione diretta da 200 cavalli e da due propulsori elettrici da 109 cavalli.

Teconologia ibrida PSA 

Decisiva ovviamente la una batteria agli ioni di litio da 13,2 kWh di capacità, installata sotto i sedili posteriori, per avere il maggior spazio possibile nell’abitacolo e nel bagagliaio ll motore elettrico anteriore è abbinato al cambio automatico a otto marce. Il secondo propulsore elettrico e il differenziale sono integrati nell’asse posteriore per fornire la trazione integrale on demand. Disponibili quattro modalità di guida: elettrica, ibrida, trazione integrale e Sport.

Un pacchetto che permette di erogare una potenza di sistema di 300 cavalli, riconducibile a quello di Peugeot 3008 Hybrid4 e altre vetture della famiglia PSA. Il consumo di carburante dichiarato (ciclo WLTP) è di 2,2 litri di benzina ogni 100 km con emissioni di CO2 contenute a 49 g/km.

Autonomia e ricarica

L’autonomia solo elettrica è di 50 km e conviene sempre tenere carica la batteria. I tempi: tra i più rapidi c’è quello con una wallbox da 7,4 kW: 1 ora e 50 minuti. La rete di ricarica sarà garantita da Free2Move Services, il brand di mobilità di PSA. L’offerta comprenderà la tessera di ricarica, che permette di accedere a più di 85.000 punti di ricarica in Europa, e il trip planner, che indica i percorsi migliori in base all’autonomia residua e locazione delle stazioni nei paraggi del viaggio.

Per avere una migliore efficienza grazie anche al sistema elettrico ad alta tensione (300 V), Grandland X Hybrid4 dispone del compressore elettrico per l’aria condizionata e il riscaldamento. 

Per il massimo recupero elettroni è inseribile la “Rigenerazione on Demand” che grazie alla guida solo col pedale dell’acceleratore quando si viaggia in elettrico, permette di frenare col rilascio. Il sistema frenante rigenerativo contribuisce con un uso virtuoso di aumentare l’autonomia fino al 10%.