I “colori della velocità” sono quelli di Porsche. La Casa tedesca celebra i 50 anni della 917, regina delle competizione automobilistiche, con la mostra “50 Years of the Porsche 917 - Colours of Speed”, in programma al Museo Porsche di Stoccarda fino al prossimo 15 settembre 2019.

Meccanici, tecnici e ingegneri hanno lavorato sodo per restaurare la prima 917 mai costruita e renderla nelle condizioni perfette in cui era il 12 marzo 1969, quando venne presentata al Salone di Ginevra.

Porsche Type 64, all'asta la più antica tra le Porsche

La 917 può vantare una storia di successi in pista, ma anche al cinema. L’auto è stata protagonista nei campionati prototipi degli anni Settanta, trionfando alla 24 Ore di Le Mans per due anni consecutivi, nel 1970 e 1971, pilotata rispettivamente dalla coppia Hans Herrmann-Richard Attwood prima e dal duo Helmut Marko-Gijs van Lennep poi, stabilendo anche il record di percorrenza chilometrica della gara, rimasto imbattuto fino al 2010.

In entrambi gli anni di grazia ’70 e ’71, la 917 trionfò nel mondiale sportprototipi, concedendosi anche il lusso di vincere alla 24 Ore di Daytona.

Davanti alla cinepresa, la 917 è anche la vettura guidata da Steve McQueen nel celebre film “Le 24 Ore di Le Mans”, considerato da molti addetti ai lavori la miglior pellicola automobilistica mai realizzata.

In esposizione quindi diversi modelli della mitica 917, nonché illustrazioni del motore a 12 cilindri costruito da Hans Mezger, spiegato e analizzato attraverso la descrizione dell’albero a gomiti e a canne e del turbocompressore.

“50 Years of the Porsche 917 - Colours of Speed” è anche l’occasione per scoprire i segreti non solo della 917, ma della tecnologia dell’epoca e dell’universo motoristico di quegli anni, aiutati anche da file multimediali e filmati vintage.