La Ferrari SF90 Stradale ha numeri che fanno girare la testa. A partire dalla potenza di 1000 cv, generata dal V8 turbo da 780 cv più i 220 forniti dai tre motori elettrici, per poi passare al rapporto peso/potenza di 1.5 kg/cv.

Per la prima volta nella storia di Maranello è una V8 a porsi al vertice della gamma, scalzando il frazionamento nobile delle Rosse, il V12. Sono proprio i numeri prima citati a certificarlo perché, messi “in strada”, si traducono in uno 0-100 km/h coperto in 2.5 secondi.

Tenete bene a mente che è un valore straordinario per una vettura di serie. Ok, è una Ferrari che, anche se non ha ancora un prezzo ufficiale, avrà un valore stimabile attorno ai 600.000 o 800.000 euro, ma stiamo parlando sempre di una vettura prodotta in serie. Non di una one-off, di un tuning estremo o di una hypercar in serie ultra limitata.

Perché se il muro dei 3 secondi per la classica partenza a sparo è la barriera che separa le auto “solo” potenti dalle supercar vere e proprie, più ci avviciniamo ai 2” più ci addentriamo nel mondo delle velociste mitiche come unicorni. E la SF90 Stradale se ne è messa alle spalle parecchie.

Le prime ad essere diventate, di colpo, lente sono in casa Ferrari. La Ferrari 488 Pista, la versione estrema della 488, spinta dallo stesso V8 della SF90 Stradale ma nella versione da 720 cv, si ferma, per così dire a 2.8” per lo 0-100 km/h. La F812 Superfast fa a 2.9”, mentre lenta, lentissima se messa a confronto, è la LaFerrari: i suoi 936 cv non riescono a fare meglio di 2.9”.

Maranello si toglie uno sfizio battendo l’esponente di spicco della Casa rivale sulla via Emilia. L’Aventador SVJ non va oltre i 2.8”.

La lista delle auto si allunga, in un romantico confronto dal sapore di F1 che non c’è più. Infatti ci sono ben due McLaren che possono solo guardare gli scarichi della Rossa: la P1 e la Senna “ferme” a 2.8”.

Un'auto che riesce a giocarsela sul filo viene dalla Germania: l’incredibile Porsche 918 Spyder, capace di fermare il cronometro sui 2.6”.

La nuova berlinetta, insomma, si gioca le sue carte con i mostri veri, con le auto che hanno più di 1000 cavalli. Infatti, se riesce a tenere testa alla Bugatti Veyron Grand Vitesse (2.6”), nulla può contro l’altro bolide alsaziano, la Bugatti Chiron che, forte di 1500 cavalli viaggia in 2.4 secondi da 0-100 km/h.

Ma in attesa di sapere cosa la nuova Koeniggsegg Jesko sia capace di fare, la SF90 Stradale si leva lo sfizio di battere la Regera RS che, nonostante 1360 cv non va oltre i 2.8”.

Insomma, per battere la nuova Ferrari, ci vuole l’artiglieria pesantissima.