L’esclusività della Costa Smeralda non è solo spiagge meravigliose e movida notturna, ma soprattutto anche le quattro ruote. Come dimostra la quarta edizione del Poltu Quatu Classic 2019, concorso di eleganza organizzato da Auto Classic e Between con il patrocinio di FIVA, ASI e Regione Sardegna.

Coppa d’Oro delle Dolomiti 2019: vetture d'epoca e CIGE al via

L’evento in Costa Smeralda

Dal 5 al 7 luglio scorsi, infatti, 24 automobili di alto livello (costruite tra il 1915 e il 2015) hanno sfilato nella bellissima cornice del Grand Hotel e sono state attentamente osservate dalla giuria.

Tanti nomi importanti tra i giurati, come lo storico dell’auto Paolo Tumminelli, il designer Fabrizio Giugiaro, che ha portato con sé l’ultima sua showcar elettrica, la GFG Kangaroo, e Luciano Bertolero, fondatore di Auto Classic ed esperto Ferrari. Non solo, presenza anche per Afshin Behnia, CEO & Founder della piattaforma online Petrolicious, Shinichi Ekko, presidente del Maserati Club Japan, Carlo Di Giusto, vice direttore di Ruoteclassiche, e Luca Gastaldi, responsabile ufficio stampa ASI.

Alfa Romeo 8C 2900B regina a Villa d'Este

I premi: Ferrari su tutte

Tra le auto premiate spiccano le Ferrari che hanno portato a casa un discreto bottino. L’ambito Trofeo Best of Show, infatti, è andato alla Ferrari 275 GTB 4 del 1966 dalla carrozzata in alluminio da Pininfarina, portata dal collezionista Ugo Gussali Beretta. Il premio è una scultura di vari materiali realizzata dalla GFG Style di Giorgetto e Fabrizio Giugiaro.

Venduta a 9,4 milioni di dollari la Ferrari 275 GTB del 1966

Il Premio Speciale ASI, invece, è stato assegnato alla Ferrari 212 Coupé del 1952 iscritta da Giorgio Vinai. Il riconoscimento per l’auto italiana più rappresentativa non poteva che andare a questo modello di cui abbiamo solo 18 esemplari e che rappresenta l’inizio della partnership tra Ferrari e Pininfarina.

Il format

Nato dalla mente di Simone Bertolero, il format del Concorso d'Eleganza Poltu Quatu Classic 2019 guarda già al futuro. Tre concorsi per il 2019, forse un quarto a dicembre, e per il 2020 si sta lavorando a una specie di “circuito d’eleganza a tappe” con tanto di finaliste nei vari premi e categorie.