Che il Mauto sia pieno di iniziative e continue novità non è più un mistero. Il Museo Nazionale dell’Automobile di Torino anche per l’estate prosegue con la sua offerta di mostre ed esposizioni, che questa volta vogliono celebrare due importantissime ricorrenze.

Una riguarda i 90 anni di Ezio Gribaudo e l’altra il cinquantenario dello sbarco sulla Luna a cui un po’ tutti stanno rendendo omaggio.

Al Mauto di Torino sbarca "Auto che passione!"

Dalla Luna si vedono le auto?

L’altra mostra che caratterizza l’estate del Mauto è "L’auto vista dalla Luna", in occasione dei 50 anni dall’eccezionale sbarco sul satellite da parte della missione americana dell’Apollo 11. La celebrazione di una notte indimeticabile, quella della sera del 20 luglio 1969, che tenne tutti gli italiani col naso all'insù e con le orecchie puntate sulla lunga maratona in diretta tv di Tito Stagno e Ruggero Orlando da Houston.

Dall’11 al 22 luglio, nella Piazza del museo, i visitatori potranno ammirare un’esposizione che racconta questa grande missione fondamentale per la storia dell’umanità. Il 16 luglio, poi, serata evento (realizzata con il sostegno di Jeep - FCA Group) con la proiezione di filmati d’archivio su maxischermo presentati dal giornalista e curatore Giosuè Boetto Cohen per far rivivere il momento dello sbarco e l'emozione che hanno provato i tre austronauti passati nella storia: Neil Armstrong, il primo uomo ad avere messo piede sul nostro satellite naturale; Buzz Aldrin, che lo seguì; e Michael Collins.

Marcello Gandini, mostra omaggio al Museo dell'Automobile di Torino

Ezio Gribaudo, artista torinese

Data anche la sede del museo, una mostra per festeggiare il 90esimo compleanno dell’artista torinese era quasi obbligatoria. Dal 12 luglio (con inaugurazione l’11) fino al 29 settembre, il Mauto omaggia il Maestro e lo fa selezionando quelle opere più vicine all’universo delle automobili. Il risultato è una mostra di 30 lavori che spaziano dai primi anni ’60 al 2018. Qui le forme e i volumi delle vetture fanno sentire la loro presenza ma in maniera delicata, a tratti nascosta.

Non solo opere concrete e materiali, ma anche figurative e una video intervista a Gribaudo realizzata dal giornalista Giosuè Boetto Cohen. Inoltre, sarà possibile ammirare quattro auto che raccontano e accompagnano il visitatore lungo una passeggiata nella complessa arte del Maestro. In anteprima assoluta ci sarà, poi, il modello di stile disegnato da Fabrizio Giugiaro e scolpito a bassorilievo proprio da Ezio Gribaudo in occasione della mostra del MAUTO.