Il 16 luglio 1969 l’Apollo 11 puntò dritto alla Luna, che raggiunse il giorno seguente. Stasera, 50 anni dopo, il nostro satellite ci omaggia di uno spettacolo nel cielo. La Luna entrerà nel cono di penombra alle 20 e 44 circa in Italia, ma è alle 22 che inizierà la vera eclissi, con picco alle 23 e 30.

Alzando gli occhi, oltre ad ammirare la tonalità rossa che assumerà il satellite, il nostro immaginario si apre a leggende, credenze popolari e fantasie. Ma cosa c’entra tutto questo con le auto?

1969 Peugeot, BMW e Alfa Romeo: le auto dell'uomo sulla Luna

Lo studio: +4% di incidenti con la Luna piena

Appassionati di fantasy o meno, il rischio di incappare in un licantropo stasera è molto improbabile. Quando si parla di motori ci si affida a dati concreti e gli studi fatti dai ricercatori Donald A Redelmeier dell’Università di Toronto ed Eldar Shafir della Princeton University ne sono una prova.

Le ricerche condotte, infatti, sembrerebbero mettere in relazione le notti di luna piena con l’aumento degli incidenti, andando inevitabilmente ad alimentare quelle credenze popolari secondo le quali il fenomeno possa influire sula vita degli essere umani.

L’analisi dei ricercatori ha messo in rapporto 850 mila sinistri degli ultimi cinque anni in Giappone con gli incidenti motociclistici avvenuti in tutto il mondo in 40 anni. Dai risultati è emerso che nelle ore di luna piena la media dei sinistri si alza del 4%.

Toyota e JAXA insieme per i rover sulla Luna

Luna e auto: le conseguenze

Ammesso che l’aumento c’è, va ricercata la ragione ed è qui che entra in gioco l’influenza della luna piena sull’essere umano. Nelle serate come quella di stasera, si modifica la percezione che gli automobilisti hanno non solo della velocità, ma anche del rapporto tra la macchina e l’ambiente intorno, a causa della luminosità inconsueta dettata dall’eclissi. Di conseguenza, aumenta sia il rischio di errore alla guida sia la distrazione dovuta allo spettacolo in cielo.