Il ritrovamento è avvenuto nello stato di Santa Catarina, dove la polizia ha scovato un garage-negozio in cui padre e figlio costruivano e tenevano parcheggiate delle repliche di Ferrari e Lamborghini. Dalle foto scattate sul luogo e poi rapidamente diffuse dal web, si nota come il lavoro sia stato abbastanza dettagliato, anche se, giura chi era presente, la parte ingegneristica e quella riguardante la motorizzazione erano veramente scadenti.

Supercar abbandonate, un cimitero a Dubai

MATERIALI USATI E VENDITA

Secondo quanto riferisce il quotidiano Folha de São Paulo, le supercar fake erano costruite con parti di macchine diverse. Per esempio, il motore di una di esse proveniva da una Chevrolet Omega, vettura del segmento E venduta esclusivamente in Brasile.

Lamborghini Countach, in vendita quella di Mario Andretti

In tutto sono state ritrovate otto macchine, senza contare vari strumenti, stampi e pezzi di ricambio di vario tipo. La segnalazione pare sia partita da uno dei marchi italiani coinvolti.

Non si sa quante macchine siano uscite dal garage né se ci siano stati degli effettivi compratori. Padre e figlio, che sono stati naturalmente arrestati, vendevano i loro lavori direttamente sui social media (non si sa quali) per cifre che andavano dai 45000 ai 60000 dollari. Cifre certamente alte, ma neanche lontanamente paragonabili a quelle reali che si debbono spendere per portarsi a casa una vera Ferrari o Lamborghini.