Le navi da crociera inquinano più delle auto. È quanto emerge da uno studio condotto dall’ong “Transport & Environment”, pubblicato di recente e chiamato “One corporation to pollute them all. Luxury Cruise air emissions in Europe”.

LO STUDIO E LE STIME COMPLESSIVE

Il report di “Transport & Environment” ha analizzato le rotte di 203 navi da crociera lungo le coste europee nel 2017, dal sud al nord del continente. I dati hanno rivelato un’emissione totale di 62mila tonnellate di ossidi di zolfo: si tratta di una quantità ben 20 volte superiore a quella emessa da 260 milioni di auto sparse per tutta l’Europa. A questo dato, vanno aggiunte le 155mila tonnellate di ossidi di azoto, le 10mila di polveri sottili e le 10 tonnellate di CO2.

Bosch, il test RDE sfata i falsi miti sul Diesel

Tra le compagnie da crociera “incriminate”, troviamo Carnival Corporation, prima nel mondo in questo settore e in Italia affiliata a Costa Crociere, che ha emesso 10 volte più ossido di azoto rispetto alle 260 milioni di vetture presenti in Europa. Ma anche Royal Caribbean, che ne emette “solo” 4 volte di più.

LE CITTÀ DAI PORTI PIÙ INQUINATI

Spagna e Italia sono le aree maggiormente inquinate. Medaglia d’oro a Barcellona, il cui porto nel 2017 ha “ospitato” 105 navi e quasi 33 tonnellate di ossidi di zolfo. Subito dopo la città catalana, si piazza Palma di Maiorca: 87 navi per 28 tonnellate.

Ecobonus: la Corte dei Conti sblocca il decreto

E l’Italia? Purtroppo, ampiamente presente. Il Belpaese classifica infatti 10 città tra le prime 50 più inquinate. Venezia è terza nella graduatoria generale (68 navi, 27,5 tonnellate), subito davanti a Civitavecchia. Presenti anche Palermo, Genova, Napoli, Bari, Messina, La Spezia, Savona e Cagliari.

MOTIVAZIONI E SOLUZIONI

Gli elementi inquinanti vengono emessi in larga parte perché le navi che stazionano nei porti mantengono i motori accesi a lungo per far sì che funzionino tutti i servizi a bordo, ma anche e soprattutto perché esse vengono spinte da un carburante contenente lo 0,1 % di zolfo, quando una normale macchina ne contiene lo 0,01 %.

E la situazione rimane preoccupante. Ecco perché l’ong ha richiesto di rivedere le normative europee riguardo le emissioni a zero e di allargare l’area di controllo di queste ultime a tutti i mari europei, dato che per adesso la zona tenuta sotto osservazione è compresa solo tra Mare del Nord, Baltico e Canale della Manica.