Riavviare il negoziato sulla fusione con Renault: questa è la volontà di FCA. Lo ha detto al Financial Times l'amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles, Mike Manley. In una intervista al quotidiano finanziario, Manley ha dichiarato che il gruppo è disponibile a riniziare i colloqui con Renault, segnalando così che il fallito tentativo di fusione da 33 miliardi di euro potrebbe ancora andare avanti.

Renault-Nissan, l'accordo sulle quote per accelerare la fusione con FCA

Nonostante ci siano ostacoli significativi a un accordo, la casa automobilistica italo-americana è ancora "interessata a sentire" il suo rivale francese, ha detto Manley aggiungendo che una combinazione offre "sinergie significative" e che "la logica industriale che era presente in precedenza, sussiste ancora".

I "sogni di un'azienda dal futuro solido"

"Se le circostanze dovessero cambiare - ha precisato - allora forse i sogni si incontrano e le cose possono accadere". Fca e Renault hanno portato avanti colloqui privati per diversi mesi all'inizio di quest'anno per formare un "campione europeo" con vendite globali maggiori rispetto a General Motors.

FCA-Renault, stop alla fusione: ecco i fatti

L'accordo, ricorda il Financial Times, era naufragato per la "crescente esasperazione del consiglio di amministrazione di Fca per il comportamento del governo francese, che detiene il 15% delle azioni Renault e ha doppi diritti di voto" e anche per la crisi dell'alleanza di Renault con Nissan, in seguito all'espulsione di Carlos Ghosn, ex presidente di entrambe le società.

"Mentre lavorano su quelle questioni, potrebbero verificarsi quelle circostanze che sono necessarie per un cambiamento", ha detto Manley e "Se così fosse, saremmo interessati a sentirli". Manley ha sottolineato che FCA ha un "futuro solido" come azienda indipendente, ma ha aggiunto che questo "non significa che, se ci fosse un futuro migliore attraverso un'alleanza, una partnership o una fusione, non saremmo aperti e interessati".

Nissan, previsto un taglio di 12.500 posti di lavoro