“L’auto che ti sei sempre promesso”. Nel 1969 entra in commercio Ford Capri. La muscle car viene progettata a Colonia, sede centrale di Ford Europe, e rappresenta una sorta di risposta europea alla Mustang. Sulla vettura, in casa Ford, ci puntano molto, tanto che la campagna pubblicitaria che ne precede l’uscita è senza precedenti.

Ford Mustang55, V8 speciale per l'Europa

Fatto sta che quel claim fa colpo sui clienti, dando il via a un successo durato praticamente per un ventennio. Ford Capri infatti venne prodotta fino al 1986, per un totale di tre serie e oltre 1,8 milioni di esemplari. A 50 anni dalla sua nascita, Ford Europe ha voluto omaggiarla con un video da non perdere, pubblicato lo scorso 31 luglio.

DA COLONIA PER TUTTA L’EUROPA

Il filmato dura circa 10 minuti e ripercorre la storia della Ford Capri e l’impatto che ha avuto nel mercato automobilistico nel corso degli anni. Un vero e proprio viaggio nei ricordi dell’auto e dei suoi risultati sportivi. Protagonista infatti è un modello di Ford Capri RS2600, la versione Turismo della stradale.

Guidata dal giornalista britannico Steve Sutcliffe, la RS2600 ha compiuto un viaggio da circa 700 km, partendo da Colonia e toccando tappe come le montagne tedesche dell’Eifel, dove furono effettuati i test prima della presentazione, e i circuiti di Spa in Belgio e di Zandvoort in Olanda, per ripercorrere i trionfi ottenuti nelle competizioni.

LA STAR DELLA PISTA

La Capri RS2600 infatti è uno dei modelli Ford più vincenti di sempre. Dotata di un V6 a iniezione (prima Ford stradale di sempre a vantare tale caratteristica), riusciva a superare i 200 km/h di velocità massima, anche se nella sua ultima versione, quella del 1973  a quasi 3000 cc di cilindrata, riusciva a toccare i 320 CV.

Le Mans '66: ciak, si gira il film "La Grande Sfida"

Gli anni di grazia sono gli inizi degli anni Settanta. Nel 1971 e ’72 la RS2600 vince infatti il campionato europeo piloti, il campionato tedesco e quello sudafricano e belga. Le vittorie più prestigiose però rimangono quelle della 24 Ore di Le Mans, dove trionfa, sempre in quei due anni, nella propria categoria. Tra i campioni che si sono messi al volante della RS2600 nelle competizioni, nomi del calibro di Dieter Glemser, Jochen Mass, Claude Bourgoignie e Alex Soler-Roig.