Si è conclusa la 34esima edizione del più grande raduno al mondo di auto italiane: il Concorso Italiano 2019 si è confermato uno dei momenti più belli della Monterey Car Week che si svolge annualmente in California.

Sabato 17 agosto più di 10.000 appassionati di auto sono accorsi al raduno per guardare da vicino i modelli storici, la presentazione di tutte le novità e i festeggiamenti per i vari anniversari celebrati quest’anno.

RAFFORZARE L’APPEAL ALL’INTERNO DELLA MONTEREY CAR WEEK

Al Bayonet Black Horse Golf Course la manifestazione è stata aperta dai conduttori Myles Kitchen e Matt Stone, dal presidente della giuria Gary Bobileff e da Raffaello Porro, organizzatore della kermesse insieme a Tom McDowell. Porro ha commentato così la giornata: “L’ingresso di nuovi sponsor italiani come Pirelli e Menabrea, l’accresciuta presenza di personaggi e brand di auto prestigiosi e la sottoscrizione di un accordo quinquennale con il golf club sono premesse per uno sviluppo di Concorso che lo porterà a rafforzare il suo appeal tra i diversi eventi della Monterey Car Week. Cercheremo di crescere mantenendo intatto lo spirito vivace e spontaneo che lo caratterizza, sul green come nei punti di ristoro e nelle presentazioni sul palco”.

Concorso Italiano, la tradizione tricolore in California

IL BEST IN SHOW ALLA FERRARI 250 GT II

Durante la giornata si sono susseguite presentazioni, sfilate e premiazioni dei vari marchi presenti: era il 50esimo anniversario di Iso Rivolta Lele e Ferrari Dino, il 60esimo di DeTomaso, il 70esimo per Abarth. Grandi festeggiamenti per questi nomi storici dell’automobilismo tricolore, ma anche i diversi premi consegnati alle varie categorie in gara. Il PirelliPerfectFit Award se l’è aggiudicato il possessore di una Alfa Romeo 2000 Touring del 1960, con pneumatici Pirelli Collezione. La Bella Macchina Award è andato a Mario Carlo Baccaglini, fondatore della mostra Auto e Moto d’Epoca di Padova. La Lamborghini Countach ha vinto il Valentino Balboni Award. Il riconoscimento più ambito, il Best in Show Award, è stato l’ultimo ad essere consegnato: disegnato da Samuel Chuffart di Icona Design Group e realizzato da Egidio Reali di MR Collection, il premio è stato vinto da Ron Corradini (Newport Beach, California) per la sua Ferrari 250 GT II Cabriolet del 1960, restaurata da Hot Rods & Hobbies. Corradini ha vinto anche il Chairman’s Award per la sua Maserati Ghibli.

Tom Mc Dowell, Presidente di Concorso Italiano, è soddisfatto: “Al grande successo di quest’anno hanno contribuito la serie di presentazioni di auto e moto, alcuni in pezzi unici di assoluta rarità, oltre a un boom di nuove presenze e attività, e alla partecipazione di personaggi di spicco del panorama automotive e artistico italiano”.