In un mondo dove l’esperienza di guida si fa sempre più autonoma, con auto connesse dotate di tecnologia intelligente, sembra quasi certo un drastico cambiamento nel nostro immaginario. Al di là dei sistemi innovativi e delle svolte epocali, sarà la nostra percezione alla guida (e non solo) a subire la metamorfosi maggiore.

Trovata Aston Martin

In questo turbine di cambiamenti, si inserisce Aston Martin che alza l’asticella in un ambito parallelo e strettamente connesso, ovvero quello della proprietà a 360° dell’auto. Non solo guida, insomma, ma un servizio di progettazione, denominato Automotive Galleries and Lairs, che permette alle persone di creare un personale spazio per la vettura: una sorta di garage su misura, di lusso, in alcuni casi paragonabile a opere d’arte. A dimostrazione di ciò, ci hanno pensato i concept presentati al Concours d'Elegance di Pebble Beach che mostrano addirittura dei garage costruiti all’interno di acquari con tanto di pesci.

Aston Martin Valkyrie, prima volta in pista a Silverstone

Opere d’arte

Questo ambizioso e mastodontico progetto offre la possibilità ai clienti Aston Martin di godere del lavoro non solo dell’Aston Martin Design Team, ma anche di quello di architetti di fama mondiale. “Immagina una casa o un rifugio di lusso costruito intorno alla tua auto”, ha detto Marek Reichman, direttore creativo del brand. “Immagina di creare lo spazio ideale per mostrare le tue opere d'arte automobilistiche. Adesso tutto ciò è realizzabile grazie a questa nuova offerta. Per gli appassionati di auto, il garage è importante quanto il resto della casa e una galleria di auto su misura progettata da Aston Martin che si concentra sulla messa in mostra dell'auto oppure fa parte di uno spazio di intrattenimento integrato più grande con simulatori e simili, permette alla proprietà di un’Aston Martin di passare al livello successivo”.

Aston Martin Valhalla, ha un nome la AM-RB 003

Auto protagonista della scena

L’auto, dunque, si mette al centro della scena anche quando non è in moto. Diventa la protagonista di gallerie e teatri di design, sfruttandone tecnologia e bellezza a proprio favore. “Aston Martin ha decenni di esperienza nella messa in scena di automobili per presentarle al meglio, ma capisce anche l'importanza dello stoccaggio e della manutenzione di queste macchine che ormai vivono e respirano”, ha affermato Sebastien Delmaire, Direttore delle partnership di Aston Martin. “Le gallerie automobilistiche possono anche essere progettate per adattarsi al momento storico se un cliente possiede un'auto d'epoca. Siamo in grado di soddisfare ogni esigenza, che si tratti di esporre singole auto come pezzi d'arte automobilistica o una collezione completa di vetture in un museo privato. Questi spazi offrono l'opportunità alle persone di creare il proprio mondo, unico, in cui possono condividere la loro passione per le auto con i loro ospiti. Le opportunità sono infinite”.

Mercedes e Bosch, nasce il primo parcheggio a guida autonoma