Quando ancora si chiamava PF0, quella che oggi è Pininfarina Battista si presentò da concept in un’anteprima a Pebble Beach, nel 2018. Un anno dopo, con la hypercar elettrica nella fase conclusiva dello sviluppo, che ha introdotto un’aerodinamica anteriore leggermente diversa, così come il design, Automobili Pininfarina ha presentato Pura Vision. Studio di design sul futuro modello del brand diretto da Michael Perschke.

SARÀ UN LUV

Un modellino in scala ha anticipato lo stile a clienti selezionati, ancora non si sa molto del secondo modello in arrivo nel 2020. In occasione della nascita di Automobili Pininfarina, prima volta in società all’ePrix di Roma nel 2018, nel percorso di crescita della gamma si prospettava l’introduzione di una berlina e di un crossover, entrambi modelli elettrici ed entrambi all’insegna del lusso e del bel design.

Leggi anche: Battista, nuovo frontale al Parco Valentino

Da Pininfarina Pura Vision Design nascerà un Luxury Utility Vehicle. Potrebbe svilupparsi da crossover. Solo pochissimi indizi trapelano dal modellino svelato a Pebble Beach, dove la hypercar Battista ha fatto mostra della specifica finale e ottimizzata fino a un dato di 500 km (+50 km) di autonomia dichiarata per singola carica del pacco batterie da 120 kWh.

LUSSO SENZA PARI

Del progetto Pura Vision Design si intravede appena un padiglione quasi da volume unico con il parabrezza e un’aerodinamica in coda raccordata al montante posteriore.

Ancora pochissimi i particolari utili. Il Salone di Ginevra, nel marzo 2020, potrebbe essere l’appuntamento in cui il secondo modello di Automobili Pininfarina da studio di design troverà la concretezza di un concept che porti al prodotto finale.

"PURA Vision unisce i temi del design che Battista Pininfarina ha realizzato personalmente creando alcune delle auto più belle e acclamate nella storia dell’automobile. Sì, è assolutamente un salto nel nostro futuro, un’auto di lusso come nessun’altra e ancora una volta ideata per offrire prestazioni entusiasmanti per un auto elettrica", il commento del responsabile dello stile, Luca Borgogno.