In un mondo dove conta sempre più distinguersi, attraverso pensate originali, si inserisce alla perfezione l’idea dell’artista russo Nikita Golubev. Non molto tempo fa vi avevamo parlato del francese Benedetto Bufalino e della sua stravagante mania di sconvolgere l’utilizzo tradizionale delle auto, come la Fiat Coupé che diventa una friggitoria.

L’arte di ProBoyNick

Nella fredda Mosca, ProBoyNick (così è conosciuto sui social, dove ha quasi 100mila follower) ha deciso di dare un senso alla sporcizia dei camion e dei furgoni che ogni giorno intasano le strade russe.

Già da qualche anno, Nikita Golubev resiste alla tentazione di scrivere “lavami” sulle superfici dei mezzi e si, seguendo il proprio estro artistico, disegna utilizzando proprio quella sporcizia. Si tratta, chiaramente, di opere temporanee: nessuna vernice, nessun materiale chimico, solo polvere e smog che vengono spazzati via da vento e pioggia.

Opere d’arte fragili ma dalla sconvolgente bellezza.