Seat ha capito che i sistemi di infotainment intuitivi e facili da usare rappresentano uno degli aspetti più importanti per i giovani nell’acquisto di un’auto. Con il rinnovamento della gamma Ibiza ha puntato molto su questo aspetto fino a realizzare uno speciale allestimento Connect. La Casa spagnola non si è però limitata ad aggiornare il sistema di infotainment ma ha aggiunto un nuovo motore, economico ed ecologico, ha rinnovato i colori e ha aggiunto alcune importanti soluzioni per la sicurezza. In aggiunta alle motorizzazioni classiche, la novità è rappresentata dal nuovo motore 1.0 TSi: un mille tre cilindri turbo benzina Euro 6, che nel nostro paese arriverà nella versione da 95 cavalli di potenza con consumi di 24 km/litro e 97 g/km di CO2, abbinato a un cambio manuale a cinque marce. Nell’uso si rivela scattante, considerata la sua cilindrata, e molto elastico, confermando appieno il carattere cittadino, con velleità extraurbane, della nuova Ibiza. La guida è piacevole e lo sterzo leggero. Sul fronte sicurezza troviamo la videocamera posteriore (come optional), il sistema di frenata anticollisione multipla e quello di riconoscimento della stanchezza. LA IBIZA SI DECLINA in tre varianti di carrozzeria: SC (Sport Coupé tre porte), cinque porte e station wagon (ST Sport Tourer). Volumi e proporzioni rimangono immutati rispetto alla versione precedente, mentre sono disponibili nuovi fari, caratterizzati da luci diurne con tecnologia Led, un nuovo design dei cerchi da 16 e 17 pollici e nuovi colori della carrozzeria, personalizzabili con speciali “customization pack”. Questi permettono la personalizzazione anche degli interni con i profili delle prese d’aria, particolari del volante e leva del cambio, e strisce colorate sugli schienali dei sedili. Gli allestimenti sono quattro, Reference, Style, Fr e Connect: i primi due rappresentano essenzialmente le versioni d’ingresso; con la Style più ricca e fornita, mentre gli ultimi due rappresentano l’Ibiza sportiva e quella connessa. Il sistema infotainment si basa su uno schermo touchscreen con navigatore integrato, vivavoce, radio digitale (DAB), possibilità di riprodurre file musicali da uno smartphone tramite connessione USB o Bluetooth, e soprattutto controlli al volante. Il sistema Full Link è in grado di connettere i dispositivi mobili degli utenti tramite gli standard Android Auto, Apple CarPlay e MirrorLink. QUEST’ULTIMA è la tecnologia che permette di utilizzare le funzioni e le applicazioni degli smartphone replicandole lo schermo sul sistema touch della Ibiza. Purtroppo i modelli compatibili sono ancora pochi, tanto che Seat ha pensato di regalare un telefono Samsung A3 ai propri clienti per garantire la connessione al Web e per sfruttare le applicazioni dedicate (lo smartphone agisce da modem per connettersi a Internet). Federico Cociancich

Seat Ibiza, primo test su strada

Seat Ibiza, primo test su strada