PARIGI - Micra per tutti. Questo lo slogan che sta prendendo corpo in questi ultimi battiti del 2017. La city-car della Nissan festeggia le nozze d'argento con il mercato italiano (la prima uscì nel 1992, dieci anni prima in Giappone…) e lo fa nel migliore dei modi, completando e facendo crescere una gamma a tutto tondo che vuole soddisfare i gusti di una clientela sempre più vasta e variegata.

Dopo le versioni benzina 0.9 da 90 cv e diesel 1.5 con analoga potenza, quest'ultima la più gettonata nel nostro paese, e in attesa della Sporty che monterà, a fine 2018, un turbobenzina da 120 cv, abbinata a un nuovo cambio automatico a sei marce abbiamo avuto l'occasione di guidare per le strade della campagna attorno a Parigi l'alternativa per neopatentati. Ovvero la variante spinta dal tre cilindri a benzina da 71, depotenziato per consentire a chi ha appena conseguito l'agognato permesso di guida, di mettersi al volante di Micra.

Motore, tra l'altro, già disponibile sui mercati di tutta Europa e ben apprezzato nonostante la potenza non eccelsa: sulle 46.000 unità vendute negli ultimi sei mesi, più di un quarto montano infatti questo propulsore. Che, su strada, si dimostra gradevole e ben abbinato al cambio manuale a sei rapporti, a patto però di non cercare un brio eccessivo quando si è in autostrada o in percorso tortuosi. Nei tratti in salita, difatti, la scalata della marcia per "pescare" i giri giusti del tricilindrico, diventa una necessità più che una ricerca di sprint.

È la città il territorio ideale di questa versione di Micra, per l'agilità che evidenzia e per le tante assistenze utili a una guida rilassante: sistemi come l’Intelligente Line Assist che aiuta a mantenere l’auto in corsia quando si è incolonnati, il Race Control che gestisce la traiettoria ottimale e la fondamentale telecamera con visuale posteriore o a 360 gradi per i parcheggi, sono surplus utilissimi. Chi cerca il sound perfetto per ascoltare musica può ricorrere all'impianto hi-fi Bose dotato di sei altoparlanti, due dei quali integrati nel poggiatesta di chi guida. Un accessorio incluso nel pacchetto Tech che costa, però, 800 euro.

Rispettoso dell'ambiente (le emissioni di CO2 sono di 103 g/km) e con un consumo dichiarato davvero ridotto (21,7 km/litro), questo mini-tre cilindri è disponibile negli allestimenti Visia, Visia+ e Acenta. I prezzi partono da 12.600 euro. Nell'abitacolo troviamo sin nelle versioni d'entrata materiali soft touch bicolore e un'ampia possibilità di personalizzazione: Micra ha oltre 100 possibili combinazioni tra interni ed esterni. Nel nostro Paese, la tinta preferita per l'esterno è la Enigma Black, mentre per l'abitacolo la vistosa l'Energy Orange. Il colore di carrozzeria che va per la maggiore, invece, è il Gunmetal Grey.