Fiat Panda Waze è la social citycar. E’ il risultato del connubio tra l’auto più venduta in Italia e l’applicazione di navigazione stradale gratuita più smart. Abbiamo testato la nuova serie speciale della piccola torinese, che parte da 7.400 euro di prezzo grazie a Imperdibili 100.

Immergendoci con il popolo di Panda. Ovvero nel raduno appassionati del modello a Pandino, in provincia di Cremona. Dove ai piedi del castello dei Visconti con 365 Panda è stata formata la scritta più grande, con tutti i modelli delle tre generazioni, del 1980, del 2003 e del 2012, che in 38 anni di storia sono state prodotte 7,5 milioni di unità.

Nel viaggio di pochi chilometri dal centro di Milano al paesino nel cremasco, siamo entrati subito in confidenza. Panda Waze presenta l’integrazione sul proprio smartphone tra il navigatore social e Panda Uconnect.

Waze porta in dote 100 milioni di utenti connessi nel mondo e su base mensile sono milioni in Italia. Che condividono informazioni live sulla viabilità. Traffico, incidenti, lavori in corso, pericoli sulla strada, autovelox, i distributori di benzina, gasolio, GPL e metano, dal prezzo più basso.

Per entrare, partecipare e beneficiare della grande community è sufficiente inserire il proprio smartphone sul supporto sulla plancia. Da quel momento si interagirà direttamente con il display del dispositivo per accedere a tutte le funzioni dell'infotainment. Dal cambio delle stazioni radio alla scelta delle playlist, dalla regolazione del volume alla gestione delle chiamate e dei messaggi, dalla agenda al meteo. Panda Uconnect app dialoga con il sistema infotainment di bordo. Dotato tecnologia Bluetooth 2.1, lo streaming audio, il sistema di riconoscimento vocale, e gestisce la lettura dati da USB e MP3. Tutto, ottimizzato.

Sono presenti entrambe sullo schermo del telefonino. Quando Panda Uconnect è in primo piano sullo smartphone,  Waze è visibile in un riquadro sullo schermo, fornendo indicazioni di direzione e tempo stimato al raggiungimento della meta. Possibile anche l’operazione inversa.

Panda Waze non si dimentica di tenerci sempre aggiornati. Quando si va in riserva di carburante o viene rilevata una bassa pressione dei pneumatici, sul display dello smartphone appare la segnalazione. SI può controllare anche in remoto. E si può decidere di selezionare una tra le stazioni di rifornimento più convenienti o tra le officine di assistenza più prossime . Vengono utilizzati nella “doppia schermata” anche  Find myCar, che aiuta a ricordare dove si è parcheggiato, My Car per gli interventi di manutenzione programmata e le chiamate dirette al soccorso stradale e Object Reminder per segnalare eventuali oggetti lasciati all’interno.

Esteticamente Panda Waze ripropone il look dell'allestimento City Cross. Il logo Waze è posto sui parafanghi anteriori, spiccano le modanature nere laterali, come in black sono anche le le calotte degli specchietti, le barre longitudinali sul tetto e le maniglie delle portiere. Le colorazioni disponibili sono quelle della gamma Panda, mentre i cerchi  da 15” con presentano una inedita finitura brunita. Di serie, oltre al supporto in plancia per lo smartphone, il climatizzatore, il sensore pressione pneumatici, la chiusura centralizzata con comando a distanza, il volante regolabile in altezza e l'appoggiatesta anteriori con sistema anti colpo di frusta.

Il motore è il 1.2 quattro cilindri benzina da 69 cavalli. Non avrebbe guastato la presenza di una versione a GPL o a metano.