Per rendere appetibile una vettura elettrica, c'è (forse) una sola strada da percorrere: aumentarne l'autonomia. Percorso intrapreso da Hyundai che rilancia le quotazioni di Ioniq Electric con un pacco batterie aggiornato.

Capace, stando alla carta, di portare l'autonomia totale a 311 km (prima era 280). Distanza che supera abbondantemente le necessità quotidiane (e probabilmente settimanali) di chi è solito usare la vettura nel percorso casa lavoro e viceversa. Merito di un rinnovato pacco batterie, che passa dai 28 kWh attuali ai più prestanti 38,3 kWh.

Aumentate potenza e autonomia

In tema di differenze anche la potenza erogata dal motore, che salta dalla quota di 120 cavalli a quella di 136. Invariato invece il dato relativo alla coppia, pari sempre a 295 Nm. Ovviamente le affinità con Kona Electric sono palesi, nonostante le discrepanze in alcuni numeri (vedi pacco batterie). La tecnologia è “circolare”, così il passaggio di elementi è assolutamente nella norma. Chiusa tale parentesi, si “scopre” che la vettura è dotata di un cavo di ricarica da 7,2 kW, un aggiornamento rispetto all'attuale da 6,6 kW. In attesa che in Italia presenzino colonnine di ricarica da 100 kW (fa eccezione il comparto Tesla), sappiate che da questa tipologia di esercizio, la Ioniq Electric, necessità di 54 minuti per una carica che corrisponde a circa l'80% della capacità della batteria.

Come di consueto si affida ad un retrotreno del tipo a ponte torcente. Una scelta dettata dalla necessità di liberare spazio al pacco batterie – sui modelli ibridi è presente un sistema multilink - che non inficia sul comfort di marcia.

Marcia che si può “espletare” in tre modi differenti: Eco, Normale e Sport. Cosa cambia? L'erogazione del propulsore elettrico si fa via via più decisa e sportiva. Che poi sia lineare in ogni circostanza è un dato di fatto, dato che i 295 Nm di coppia motrice sono disponibili da 0 giri/minuto. Presenti le palette dietro al volante che comandano l'intensità del freno motore in fase di rilascio. Anche adoperando quella più intensa, è comunque meglio fare affidamento sui freni (veri) per arrestarsi completamente. Pertanto il quadro percettivo relativamente alla dinamica di guida non è mutato in alcun modo.

Infotainment e novità estetiche

Pochi, ma significativi i dettagli estetici che accompagnano l'avvento del nuovo pacco batterie. In particolare è stata riconfigurata la griglia anteriore, che vanta il fatto di essere attiva, aprendosi e chiudendosi a seconda della specifica situazione di marcia. Nuovo il design che distingue i gruppi ottici. Nuovi i cerchi in lega che alimentano l'efficienza aerodinamica della vettura. Ma le variabili che si possono definire inedite proseguono anche a bordo. Il sistema d'infotainment può essere ampliato sino alla versione dotata di schermo touch da 10,25 pollici. Versione che impiega pure la nuova suite di servizi denominata Bluelink. Utile anche per mantenere sotto controllo il livello di carica da remoto (con apposita app).

Quanto costa

La tecnologia promossa da Hyundai si fa poi predittiva (proprio come sulla Kona Hybrid). Sfruttando le informazioni che riceve dal sistema di navigazione regola di conseguenza la marcia. In arrivo a settembre la rinnovata Ioniq Electric ha un prezzo di listino di 41.000 euro. Valore di mercato che presenta la versione Tech (l'entry level). Mettendo sul piatto altri 2650 euro si passa all'allestimento più ricco, il Prime. Che offre di serie lo schermo da 10.25 pollici e la suite Bluelink.