"Se volete vedere un'auto nuova andate in concessionario. Al Motor Show di Bologna troverete tutto quello che non c'è fuori". Le parole di Rino Drogo, direttore dell'evento sono di orgoglio e di sfida. La Motor Valley sarà ancora fucina di idee per sorprendere. A BolognaFiere riparte il Motor Show, dal 2 al 10 dicembre, dove saremo presenti anche noi con le sette finaliste del premio Auto dell'Anno (padiglione 25). 

I fantastici anni '90, quando 1,5 milioni di persone saturavano il quartiere fieristico sono e bloccavano Bologna e dintorni sono un fenomeno di un'altra epoca. Il nuovo Motor Show, alla sua seconda edizione con la nuova gestione di BolognaFiere ("con la terza punteremo al pareggio" fanno sapere) tenta di lanciare una nuova ricetta. Oltre al "vedere, toccare e provare" ci sono sport, spettacolo e cultura dell’auto.

Nove giorni di immersione totale. Ci sono FCA al completo, PSA con i Marchi francesi, c'è Suzuki manca VW. Qualche Casa espone, altre fanno i test drive (tutte le info sul sito della manifestazione). A fare la conta, qualche Casa in meno rispetto al 2016, ma le defezioni stanno colpendo anche i grandi Saloni istituzionali europei. 

Drogo vede il bicchiere mezzo pieno e punta in alto. "Il Motor Show è un cantiere in continua evoluzione, è un concept che evolve come il mercato, assecondando le scelte dei visitatori, i nostri consumatori, e le strategie commerciali delle aziende. Nel 2016 erano 200 i brand presenti tra case automobilistiche, componentisti, sistemisti e rappresentanti a vario titolo del business che il sistema auto muove. Nel 2017 i brand esposti saranno 370”. Un passo in avanti: da 227.000 spettatori dell'anno scorso si punta ai 300.000. Va anche detto che il Motor Show dell'epoca aurea spesso lanciava dei target, più che assecondarli, ma era appunto un altro periodo.

Le Case auto presenti sono Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Jeep, Abarth, Mopar, Peugeot, Citroen, Ds, Hyundai, Kia, Volvo, Honda, Tesla, Suzuki, Ferrari, Lamborghini, Militem, Cadillac, Corvette, Chevrolet, Bentley, McLaren, Maserati. SsangYong, Toyota, Mitsubishi saranno presenti nell’area test drive 4x4 e Ford con i raduni di Mustang e Focus RS. Drogo commenta così. "Molti costruttori sono presenti, altri no. La nostra offerta, molto vantaggiosa, direi a condizioni straordinarie, è stata fatta a tutti".

Il 2 dicembre sarà il giorno della Ferrari, in pista con la F1. "E qualche fortunato potrà provare la Ferrari FXX", aggiunge Drogo. Ma sarà anche il sabato di Alex Del Piero, a Bologna come testimonial Kia. L'area 48, ora Motul Arena ospiterà una serie di gare, che culmineranno nel weekend finale con il rally da salotto, il mitico Memorial Bettega, al quale parteciperà il fenomeno del motocross, Tony Cairoli.

Presso “The Wolrd of Motorsport” sarà fatto rivivere un pitwalk sul tipo di quelli della F1 o della MotoGP. Ci saranno 11 padiglioni - rispetto ai 9 del 2016- con prodotto e auto d'epoca. Intenso anche il calendario convegnistico.

Presente il Ministero della Difesa con le quatto forze armate, Esercito, Marina, Aereonautica, Arma dei Carabinieri. Con esposizioni statiche e dinamiche. La chicca, il lancio iil 2 dicembre alle 12.00 degli atleti del Centro Sportivo Paracadutisti dell’Esercito

Il Motor Show sarà aperto dalle 9 alle 18 nei gironi feriali, mentre nei festivi e prefestivi dalle 8.30 alle 18.30. Il biglietto costa 18 euro, per il 4–5–6–7 dicembre, e 25 euro il 2–3 e l’8–9–10 dicembre.