Il gran tour dell'innovazione, il passaggio dal SUV al SIV, lo Smart Intuitive Vehicle, inizia al CES 2018 per Byton. Primo passaggio, un concept in attesa del debutto su straada in Cina, a fine 2019, lì verrà assemblata nell'impianto di Nanjing. Stati Uniti ed Europa a seguire, nel 2020. Tappe chiare nelle intenzioni - già programmato l'ampliamento dell'offerta, con una berlina (2021) e un MPV (2022) - al Consumer Electronic Show arriva  uno sport utility che fa del verbo connettere il proprio mantra. Meglio dire di interconnessione, industria automobilistica e digitale che si sovrappongono: l'auto diventa un'estensione della quotidianità, accanto allo smartphone e al tablet.

Per farlo, i contenuti di intelligenza artificiale avanzata riconosceranno le abitudini ancor prima di accedere a bordo, operazione relegata al riconoscimento facciale attraverso due telecamere poste sui montanti centrali. Una terza, legge l'ambiente interno, dove l'interazione tra uomo e macchina può avvenire attraverso comandi vocali, tattili – sul tablet posto al centro del volante – o tramite gestures, istruzioni riconosciute in qualsiasi spazio dell'abitacolo vengano impartite. 

Dati al sicuro sul cloud

Detto delle dimensioni, dei 4 metri e 85 di lunghezza con 2 metri e 94 di passo, sono gli interni a catturare l'attenzione. Un dettaglio più di tutti gli altri: lo schermo esteso orizzontalmente, quasi da montante a montante, per 125 centimetri, con un'altezza di 25. Intrattenimento, informazioni utili alla guida, possibilità di svolgere teleconferenze e lavorare durante il viaggio: tutto passa dal pannello principale. Un tablet sul volante e altri due dedicati ai passeggeri posteriori assicurano una copertura dedicata a ciascun occupante.

Il concept introdotto al CES 2018 sarà pronto per il 5G, connettività veloce, fino a 10 Gbit/sec: l'antenna è invisibile, come le maniglie. Una mole enorme di dati da scambiare sul cloud, garantita nella sicurezza delle comunicazioni da un fornitore indipendente, promette Byton. Dal Byton Life Cloud passeranno tutte le preferenze e i profili di chi salirà a bordo, così da regolare dalla posizione di guida alle stazioni radio preferite, solo per citare alcune delle possibilità offerte. Un'altra: i contenuti visionati su qualsiasi altro dispositivo, smartphone o tablet, automaticamente verranno trasferiti, in tempo reale, sul display panoramico a bordo, una volta effettuato l'accesso. La collaborazione con Amazon andrà oltre i servizi Alexa, per estendersi a contenuti video e audio. Non mancano il servizio my HEALTH per monitorare le condizioni di salute, oltre al my COMMUNICATION, my ENTERTAINMENT e my ACTIVITIES: tutti scenari costantemente sincronizzati.

Il suv Byton arriverà su strada con livello di assistenza alla guida 3, verrà aggiornato al livello 4 dopo il 2020, via software. Nei frangenti nei quali l'auto potrà gestire in autonomia la marcia in determinate condizioni di traffico, sarà possibile sfruttare la rotazione delle sedute verso l'interno, 12 gradi per creare un ambiente stile salotto, immersi nel lusso di rivestimenti in pelle e pavimento in legno, ovviamente piatto, grazie al powertrain elettrico.

Due o quattro ruote motrici

Due versioni: singolo motore e trazione posteriore, batteria da 71 kWh e 400 km di autonomia, oppure, doppio motore, trazione quattro ruote motrici e batteria da 95 kWh, con 520 km di autonomia. La prima proposta sviluppa 272 cavalli e 400 Nm, la seconda 476 cavalli e 710 Nm. I tempi di ricarica dichiarati, da colonnina rapida, sono di 30 minuti per l'80% della capacità totale del pacco agli ioni di litio. Del design esterno resta da dire della soluzione Smart Surfaces adottata sulla calandra e la fascia posteriore: spazi sui quali i led permettono diverse modalità e comunicano con l'ambiente esterno sotto forma di indicazioni grafiche.