Il motore V12 6.5 litri da 740 cavalli? C'è. La trazione integrale con asse posteriore sterzante? Presente. Le prestazioni estreme, da 350 orari di velocità massima e 3" sullo zero-cento? Confermate. Lamborghini Aventador S Roadster copia fedelmente le caratteristiche della coupé, eccezion fatta per la versatilità extra offerta dalla presenza dell'hard-top, dettaglio buon per scegliere se gustare la supercar di Sant'Agata Bolognese protetti dal guscio in fibra di carbonio o con l'abitacolo illuminato dal sole. 

Realizzato in più parti, l'hard top può essere ospitato nel vano anteriore in configurazione scoperta. Pesa appena 6 kg e le linee sono state ottimizzate su entrambe le facce per garantire la miglior gestione dei flussi verso la coda all'esterno e il massimo comfort ai passeggeri, che beneficeranno del profilo scavato del padiglione. La fibra di carbonio è l'essenza di Aventador S, perché non solo vi è realizzata tutta l'aerodinamica inferiore, tra splitter, deviatori di flusso, diffusore, ma anche la cornice del parabrezza, le calotte degli specchietti e il tetto rigido. Diverse finiture tra le quali scegliere, opaco di serie, nero lucido a richiesta, oppure lucido con fibra in vista. 

Varietà di opzioni previste anche per gli elementi delle due gobbe dietro i sedili, che abbassano la linea verso la coda e fungono da punto d'ancoraggio posteriore dell'hard top. Le lame possono aversi nere o trasparenti. Parlare di prezzo può servire solo per avere un'idea del punto di partenza, poiché le possibilità di personalizzazione sono infinite e il programma Lamborghini Ad Personam è in grado di soddisfare ogni richiesta. Prime consegne previste da febbraio 2018, serviranno 313.666 euro, prezzo consigliato e tasse escluse. 

Che possiate permettervi la spesa o meno, val la pena scoprire cos'altro offre la Roadster. Anzitutto l'aggravio di peso è limitato, rispetto alla coupé sono appena 50 i kg di differenza. L'aerodinamica è stata sviluppata fino a ottenere ben il 130% in più di carico deportante all'avantreno rispetto alla precedente Aventador e nelle diverse configurazioni dell'ala posteriore mobile i miglioramenti dell'efficienza arrivano al 50% in veste da alto carico aerodinamico o addirittura il 400% in modalità basso carico. 

L'assetto può contare su nuove molle, sospensioni adattive con ammortizzatori magnetoreologici, bracci dello schema push-rod ridisegnati. I progressi di Aventador S Coupé migrano pari pari sulla Roadster. Lo stesso vale per l'elettronica di gestione, le tre modalità di guida Strada, Sport e Corsa si completano con la EGO, grazie alla quale ritagliare per ogni singolo componente dell'auto la taratura desiderata (motore, cambio - 7 marce ISR -, sterzo, assetto). 

Gli interni sono proposti in cinque diverse soluzioni, con pelle e Alcantara a farla da padroni. Alcantara di serie sul padiglione dell'hard top, incorniciata dal carbonio, in alternativa si potrà scegliere un tessuto tecnico realizzato da Lamborghini e ribattezzato Carbon Skin, ancora più leggero. 

LA GAMMA LAMBORGHINI E IL LISTINO PREZZI