L'ibrido di serie nel 2018. L'elettrico nel 2019. Sono le tappe fondamentali per Honda in Europa, dove il marchio conta entro il 2025 di vendere due terzi della propria produzione con una qualche forma di elettrificazione. Per centrare l'obiettivo, tutti i modelli che verranno lanciati in futuro nel Vecchio Continente avranno una declinazione ibrida o elettrica. Al Salone di Francoforte è la volta dell'interessante citycar Honda Urban EV Concept, proposta accattivante, merito delle proporzioni: larga e bassa, sbalzi ridottissimi, è 10 centimetri più corta di una Honda Jazz, ovvero, si naviga sui 3 metri e 90 centimetri di lunghezza. Nascerà su una piattaforma dedicata, pensata per l'elettrico, con pacco batterie leggero e ad alta densità energetica. Sono gli obiettivi posti da Honda. 

Frontale caratterizzato da una calandra che, di fatto, è un'ampio display sul quale appaiono messaggi e informazioni legate alla carica delle batterie. Tanta scena, completata da gruppi ottici circolari. Niente specchietti retrovisori, sosituiti da telecamere poste davanti alle portiere. Due, si aprono controvento e danno accesso a un abitacolo in grado di ospitare quattro persone.  Lo stile retrò e la sua interpretazione in chiave elettrica convince. 

L'ampio parabrezza ha montanti anteriori molto sottili, che si traducono anche in una marcata spigolosità, in contrasto con le forme morbide della Urban EV. Lo spazio a bordo è ottimizzato negli spazi. Pavimento piatto, due panche fanno da sedili, una plancia a tutta larghezza sulla quale svettano gli inserti in legno e un grande schermo dedicato a infotainment e strumentazione di bordo. 

Sulle portiere la prosecuzione del display ha il compito di replicare le immagini delle due retrocamere. Non mancano i servizi di assistenza personale, l'Honda Automated Network Assistant. 

Honda Jazz, arriva la Dynamic Turbo

Dalle dimensioni extra-small di Urban EV, alla taglia small di Honda Jazz. A Francoforte arriva l'allestimento Dynamic, non una semplice integrazione della dotazione di serie - si conta lo splitter, i cerchi da 16 pollici, le minigonne, lo spoiler, il volante in pelle, nuovi rivestimenti dei sedili, in tessuto - ma l'occasione per lanciare il motore turbo benzina 1.5 litri VTEC nella variante 130 cavalli. Diverrà il nuovo top di gamma e sarà disponibile anche con cambio automatico CVT, con il quale i consumi dichiarati sono di 5.4 litri/100 km nel ciclo NEDC. 

CR-V Hybrid Prototype per dire addio al diesel

Visto il passaggio elettrico del futuro, tra pochi mesi sarà la volta di Honda CR-V Hybrid Prototype. Il concept esposto al salone è in veste pressoché definitiva. La nuova generazione del suv rimpiazzerà con l'unità ibrida le versioni turbodiesel, in un cambiamento importante per il marchio in Europa. 

Accanto al 2 litri benzina aspirato troviamo un'unità elettrica e un generatore alimentato dal motore termico. In due modalità di guida su tre è l'unità elettrica a trasmettere il moto. Ovviamente nella EV Mode, ricorrendo all'energia presente nel pacco batterie; in modalità ibrida è ancora il motore elettrico a spingere l'auto, poiché quello termico contribuisce ad alimentare il generatore di elettricità che, a sua volta, attiva il motore elettrico. Trazione elettrica, emissioni da ibrida.

La quota extra di energia sviluppata dal generatore viene destinata al pacco batterie. La terza modalità di guida, ribattezzata Engine Drive, invece, utilizza esclusivamente il motore termico, scenario ideale in condizioni di marcia autostradale. L'apporto del motore elettrico giunge solo in caso di richiesta delle prestazioni massime. Lo schema tecnico dell'i-MMD (intelligent Multi Mode Drive) prevede una trasmissione monomarcia.

La presenza su strada si annuncia imponente, merito del nuovo frontale, dell'integrazione tra calandra e gruppi ottici, della larghezza aumentata di 35 millimetri, come anche di una più convincente linea di cintura e dei fari posteriori. La nuova generazione di Honda CR-V risulterà appena più lunga dei 4 metri e 61 del modello europeo oggi sul mercato, mentre il passo crescerà fino a 2 metri e 66 centimetri, dagli attuali 2 metri e 63, con uno sbalzo posteriore più corto.

Civic, a marzo il nuovo 1.6 i-DTEC

Chi manterrà l'offerta a gasolio è Honda Civic. Dal prossimo marzo arriverà sul mercato la versione i-DTEC 120 cavalli. Svilupperà 300 Nm di coppia l'1.6 litri, rivisto in più parti, per ottimizzare consumi e ridurre le vibrazioni. A tal proposito si conta un rivestimento specifico dei cilindri per diminuire gli attriti e l'adozione di un sistema di scarico completamente nuovo. I consumi dichiarati sono di 3,7 litri/100 km nel ciclo NEDC, mentre sullo zero-cento si annuncia un tempo di 10"5. Brio sufficiente. Nel corso del 2018, inoltre, verrà commercializzata con cambio automatico 9 marce.