FRANCOFORTE. Non è solo questione di dimensioni, vedi l’ultima generazione di Clubman; Mini cresce anche come marchio. A Francoforte non sono stati svelati modelli che troveremo nelle concessionarie il prossimo anno, ma un’anticipazione della sua prima elettrica e un’espressione della propria anima sportiva. Storiche le vittorie al Rally di Montecarlo negli anni ‘60, ben più recente il poker di trionfi alla Dakar.

Ecco quindi la John Cooper Works GP concept, omaggio alla tripletta monegasca del 1967. Un prototipo che in onore della dea Velocità sacrifica anche i sedili posteriori per risparmiare peso. E le grandi prese d’aria, passaruota allargati e gli spoiler a estremizzare l’enfant terrible britannica. Anticipando l’erede della JCW GP del 2012. La potenza? E’ ancora un segreto, ma è probabile che stavolta si tocchi quota 250 cavalli. 

Agli antipodi ma con alcune affinità troviamo la Electric Concept, altra anticipazione del futuro prossimo, ma in chiave elettrica.

Nel 2019 Mini, in occasione del 60° anniversario, lancerà il suo primo modello a zero emissioni; anche nel caso del prototipo le specifiche tecniche non sono state annunciate, tranne l’utilizzo di una batteria agli ioni di litio, è più un manifesto stilistico, un antipasto del modello di serie. Che verrà prodotto ad Oxford sulla base della Mini tre porte.