Ha una sua originalità, buona per distinguerlo dalle numerose proposte a cavallo tra il segmento C e D. DS 7 Crossback rilancia gli stilemi del marchio abbinati a una carrozzeria inedita per la casa francese. Significa proporre la calandra esagonale con ampia cornice cromata estesa fin sotto i gruppi ottici, primo dei dettagli stilistici e tecnici di risalto. Proiettori led capaci di effetti scenografici come l'illuminazione viola all'apertura dell'auto, accompagnati dalla rotazione a 180°; più concreto e utile è l'active led, ovvero, sei profili di funzionamento dedicati ad altrettante condizioni di guida, dalla città all'autostrada, dalle condizioni di maltempo alla massima illuminazione. A variare sono anzitutto gli angoli e la profondità di copertura.

In coda è il trattamento laser necessario sulle superfici dei fari a catturare l'attenzione, l'effetto tridimensionale si abbina alle stesse cromature del frontale. Interessante anche il disegno della linea di cintura, alta e con una cornice dei finestrini rastremata verso il montante D, nonché la sottolineatura dei passaruota abbinata alla nervatura estesa dai fari posteriori. 

Le quote di DS 7 Crossback dicono di un suv da 4 metri e 57 centimetri di lunghezza, 1 metro e 89 di passo per 1 metro e 62 di altezza. Lo spazio per i bagagli è di 628 litri, volume confermato anche nella configurazione ibrida plug-in, attesa sul mercato a partire dalla primavera 2019, quando al motore turbo da 200 cavalli si sommeranno due motori elettrici, ciascuno da 109 cavalli: uno sull'asse anteriore, uno al posteriore. Complessivamente la potenza di sistema sarà di 300 cavalli. L'autonomia di marcia in modalità elettrica raggiunge i 60 km, assicurati da un pacco batterie da 13,7 kWh che si ricarica in 4 ore e mezza dalla presa domestica o in 2 ore e mezza tramite il caricatore rapido da 6,6 kWh.

Fino ad allora sul mercato si potrà scegliere tra cinque motorizzazioni alternative, tre turbo benzina e due turbodiesel. Thp da 225 cavalli rappresenta la punta di diamante, seguito dalla versione 180 cavalli, entrambe accoppiate al cambio automatico 8 marce, progetto che garantisce il 4% di miglioramento dei consumi sul precedente EAT6, un contenimento del peso di 2 kg e un'ottimizzazione tale da sfruttare al meglio il propulsore ai bassi regimi.

La terza unità benzina sarà il PureTech 130 cavalli con cambio sei marce. Le proposte turbodiesel passano dal BlueHdi 130 cavalli con trasmissione 6 marce (EAT8 a richiesta) al BlueHdi 180 cavalli EAT8. Quest'ultima motorizzazione, insieme al turbo benzina 225 cavalli, sarà offerta ai clienti che prenoteranno DS 7 Crossback La Première, edizione limitata, dal 7 marzo prossimo prenotabile sul sito internet dedicato o, da aprile, nei DS Store. Le peculiarità sono nella dotazione di serie, dai cerchi da 20 pollici al rivestimento dei sedili in pelle Nappa color Art Rubis e cuciture nel motivo point perle, nei colori della carrozzeria, nell'offerta del cronografo di serie BRM al centro della plancia. 

Gli interni di tutte le Crossback sono improntati alla ricercatezza delle forme e dei dettagli, nonché l'adozione di materiali pregiati: pelle, Alcantara, legno a seconda delle quattro soluzioni alternative (Bastille, Rivoli, Opera e Performance Line); un ambiente dal disegno originale, cattura l'attenzione grazie ai due schermi da 12 pollici, dedicato uno alla strumentazione (e configurabile) uno all'infotainment, posto a sbalzo rispetto alla plancia. In tunnel centrale mette in mostra un trattamento mutuato dal settore dell'orologeria di lusso per l'inserto cromato: la tecnica delle decorazioni è quella del guilloche, fatta di microincisioni, riproposte anche sulle maniglie.

Le soluzioni hi-tech di assistenza alla guida passano dal DS Connected Pilot, al parcheggio automatizzato. Il lane assist mantiene l'auto all'interno della corsia fino ai 180 km/h e funziona congiuntamente con l'adaptive cruise controllando la marcia dell'auto anche nelle fasi di stop&go nel traffico. La sicurezza di marcia beneficia anche del DS Night Vision, occhio notturno in grado - dalle riprese di una telecamera - di scansionare i 100 metri davanti all'auto e indicare nel campo visivo del guidatore la presenza di oggetti, animali e pedoni. Grazie al DS Active Scan, invece, le sospensioni adattive modificano la taratura - ciascuna ruota viene controllata singolarmente - in funzione delle condizioni dell'asfalto che DS 7 Crossback incontrerà dinanzi a sé.

LA GAMMA DS E IL LISTINO PREZZI