Range Rover Velar, il SUV medio ha grandi ambizioni. E’ nella stessa classe della nuova Alfa Romeo Stelvio, ma con ambizioni diverse. Anche se il terreno di caccia è lo stesso.La Velar, una delle protagoniste del Salone di Ginevra, beneficia del retaggio unico del Marchio Range Rover tra gli Sport Utility e promette di essere un successo a livello globale.

Nella gamma della Casa si pone tra la Evoque e la Range Sport. Le dimensioni sono più generose rispetto alla Stelvio: la lunghezza è di 4,80 metri, capace di un bagagliaio enorme: 673 litri. Già ottimo per cinque persone, senza bisogno di altri aiuti. E anche l’abitabilità, con un passo di ben 2,87 metri, è garantita.

La scocca è in alluminio, il confort è assicurati dai doppi bracci oscillanti anteriori e dal retrotreno Integral Link.Il tutto esaltato da un design, come si evince dal video e dalle foto che rimane negli stilemi delle più moderne Range, ma con tocchi originali che la differenziano dal resto della prestigiosa famiglia. Dotata dei sistemi Terrain Response 2 e All Terrain Control , della trazione integrale, la Range Rover Velar rimane nel solco. Promette capacità di offroad notevoli, che non sono mai mancate alle auto del Marchio e ci sono tutti i presupposti per mantenere le premesse. Gli interni sono di grande impatto, oltre che di spaziosità.

Il sistema di infotainement è in linea con la migliore concorrenza. Di grande impatto il doppio schermo touch da 10” e la strumentazione digitale (optional) da 12”3. Bisognerà solo entrare in auto con le mani ben pulite per non rovinare tanta tecnologia in bella vista. Di serie il sistema di frenata autonoma in caso di emergenza..

Motori. La Range Rover Velar avrà sei motori, tutti in coppia con l’ottimo cambio automatico ZF a otto marce. Tra i quattro cilindri due turbodiesel da 180 e 240 cavalli (per entrambi la coppia è di 500 Nm) e un benzina da 250 cv che accelera da 0 a 100 in 6”7 (a fine anno arriverà la variante da 300 cv). Tra i V6 3.0, un benzina turbo da 380 cv e il diesel da 300 cv.