Pratica e completa. Peugeot Rifter, che si presenta rinnovato al Salone di Ginevra, punta ovviamente sullo spazio, la robustezza, ma anche una dotazione tecnologica moderna. Arriverà sul mercato nella seconda parte del 2018. A 5 e a 7 posti, in due versioni: Standard da 4,40 e Long 4,75 metri di lunghezza. Il modello è realizzato sulla piattaforma modulare Emp2, quella di Citroen Berlingo e di Opel Combo Life.

Bagagliaio enorme. Si parte da un "minimo" di 775 litri per arrivare a 4.000 con il modello da 4,75 metri con i sedili ribaltati. Peccato solo che il Magic Flat, che piega automaticamente le poltrone, arriverà solo a 2019 inoltrato.

Sotto il cofano si parte dal 1.2 benzina turbo benzina da 110 o 130 cv (con automatico EAT8 dal 2019). I Diesel sono i 1.5 da 75, 100 e 130 cavalli (cambio automatico o manuale a sei marce).

Curate la sicurezza e l'assistenza alla guida. A disposizione ci sono Active Lane Departure Warning, Active Safety Brake, Adaptive Cruise Control, controllo della stabilità del gancio traino, Driver Attention Alert, High Beam Assist, Speed Limit Detection e videocamera Visiopark 180°.

Il top di gamma è l'allestimento GT-Line, definito dal colore Nero Onyx. Che si trova su calandra, scocca dei retrovisori, barra sul tetto e modanature laterali. Altro tocco esterno, i cerchi diamantati da 17 pollici. Negli interni risaltano il noto Peugeot i-Cockpit con touchscreen da 8″ e l'Head Up Display.