La storia inizia a Chicago, 1989. Capitoli di Mazda MX-5 che si succedono, 30 anni di narrazione, 1 milione di esemplari venduti. L’icona della moderna spider con la quale divertirsi pur avendo potenze in gioco contenute. Chicago, 2019, Mazda MX-5 30th Anniversary Edition è il riallacciarsi con il primo rigo scritto allora, a partire dal colore. Già, perché l’esclusivo Racing Orange è stato sviluppato partendo dalla base cromatica – il giallo - della MX-5 Club Racer presente al Salone del 1989.

3.000 esemplari, con carrozzeria spider e RF, verranno offerti agli appassionati in tutto il mondo, spinti dal motore SkyActiv-G 2 litri, da 184 cavalli e 205 Nm, con trasmissione manuale 6 marce.

Cosa rende particolarissima l’edizione celebrativa? Detto della targhetta applicata davanti ai cerchi posteriori – da 17 pollici, color canna di fucile – e della colorazione, le specifiche contano l’assetto con ammortizzatori Bilstein, freni con pinze Brembo anteriormente, a 4 pistoncini, e Nissin al posteriore, cerchi forgiati realizzati da Rays, evoluzione dalla specifica (ZE40) delle MX-5 che popolano le piste con la versione Cup.

Gli interni sfoggiano sedili Recaro e inserti nella stessa colorazione della carrozzeria, tra profili, cuciture e applicazioni intorno alle bocchette del climatizzatore. L’impianto stereo Bose, di serie, conta 9 altoparlanti, l’infotainment offre la compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto.

Alla prima mondiale del Salone di Chicago seguirà il debutto europeo al Salone di Ginevra.